AL NORD TENNIS, NEL MA-BO 2018 IL TITOLO E’ DI AMALIA ROSCA

Una finale 2018, quella dell’11° Trofeo Ma-Bo al Nord Tennis Sport Club di Torino, che ha assegnato questa mattina il titolo alla 19enne romena Andreea Amalia Rosca, promessa del tennis internazionale e quarta testa di serie nel draw del torneo torinese. In 57 minuti ha superato con un periodico 6-1 la 17enne slovena Kaja Juvan, quinta testa di serie e nell’occasione apparsa troppo incostante nella tattica e nell’efficacia dei colpi da fondo per impensierire la rivale.

La cronaca
Apertura delle ostilità con tre break consecutivi, per il 2-1 Rosca. Romena più abile nelle trame e nella ricerca della palla, soprattutto con l’ottimo rovescio bimane di cui dispone e che è in grado di giocare sia lungo linea che incrociato. A rompere il ritmo, poi, come già fatto vedere nel corso del torneo, alcune palle corte letali e vincenti. Dal 3-1 la Rosca è volata via nel punteggio e nell’atteggiamento in campo chiudendo sul 6-1 la prima frazione. Nella seconda Kaja Juvan ha provato a cambiare l’inerzia del confronto ed in parte c’è riuscita ma ha sbagliato alcune palle che avrebbero potuto far girare il testa a testa o in ogni caso renderlo più incerto. Nei game centrali ha avuto palle per conquistarli ma è stata più lucida Amalia Rosca che li ha fatti propri risalendo nei game e chiudendo con un altro 6-1 davanti al folto pubblico che ha assiepato le tribune naturali del circolo, come da tradizione.

La premiazione
Al termine la premiazione alla quale ha partecipato anche l’assessore allo sport della Regione Piemonte, Giovanni Maria Ferraris: “Complimenti al Nord Tennis e chiaramente alle atlete per lo spettacolo offerto nel corso dell’intera settimana. Un vero spot per il tennis e la promozione dello sport fatta nel modo giusto. La Regione è da sempre vicina a questo evento e spera di poterlo ribadire anche con i contributi che merita, per consentirne l’ulteriore crescita”. Luca Politi e Barbara Garbaccio, rispettivamente presidente del circolo e direttore del torneo, hanno sottolineato l’importanza dello staff per la riuscita della manifestazione, momento clou della stagione agonistica del centro, vivo e vitale in tutte le sue forme, partendo dalla Scuola Sat e arrivando all’estate ragazzi. Un grande ringraziamento lo hanno rivolto agli sponsor, con il title Ma-Bo in testa il cui Amministratore Unico, Paolo Bosca, ha confermato l’idea di puntare ad un ulteriore salto di qualità dell’evento.

Le dichiarazioni
Parola poi alle giocatrici. Juvan battuta ma ugualmente felice per la settimana: “Un periodo positivo per me, nel quale sto giocando bene e ho superato avversarie quotate. Oggi ho patito un po’ la fatica accumulata nelle tante settimane di tornei che hanno preceduto questo appuntamento. Sia nel primo che nel secondo set ho sbagliato alcune soluzioni che avrebbero potuto cambiare un po’ l’andamento dell’atto decisivo. Brava lei a risalire anche nei game in cui si è trovata a rincorrere. Ora due settimane di vacanza. Nella prossima mi godrò da spettatrice il torneo di Umago. Cercherò poi di chiudere bene l’anno per qualificarmi nel tabellone preliminare degli Australian Open. Per quello degli US Open non mi faccio pressioni, vedremo”.

Raggiante e per molti motivi la vincitrice, Andrea Amalia Rosca: “Ho giocato in questa settimana il miglior tennis della mia carriera – ha detto con il sorriso stampato sul giovane volto – ed ho battuto in finale una giocatrice forte contro la quale avevo perso la finale in un altro 25.000 $ in Svezia quattro settimane fa, in tre set. Sapevo che avrei dovuto mettere in campo un tennis aggressivo per contrastare la sua forza e ci sono riuscita. Lei era un po’ stanca e si è visto ma io non le ho dato molte chance. Sapevo che in caso di vittoria in questo torneo mi sarei qualificata per il pre-draw degli US Open e per questo ho dato tutto. Sono felicissima. Come di giocare lunedì o martedì il mio primo match in un main draw di un Wta, nella mia città, Bucarest, e davanti al mio pubblico”. Un pubblico abituato alle grandissime come la tua connazionale Simona Halep. Cosa pensi di lei?: “E’ una star e fa tutto molto bene soprattutto dal punto di vista fisico e mentale. Merita la posizione di numero 1 del mondo. Magari un giorno…si lavora per quello, anche se a volte la vita dell’atleta sempre in giro e lontano dagli affetti non è facile. Se però assecondi una passione, come nel mio caso, tutto diventa più sopportabile”. Applausi, dunque, alla nuova regina del Nord Tennis – Trofeo Ma-Bo, che succede nell’albo d’oro a Deborah Chiesa, campionessa 2017 e a nomi epici come quello di Marion Bartoli: “Conosco Marion – ha concluso la romena Rosca – e la considero una persona speciale. Magari ripeterne le gesta partendo proprio dal Nord Tennis. Intanto grazie a tutti per la splendida ospitalità, organizzazione e per il supporto che mi hanno dato in questi giorni”. Appuntamento dunque al 2019.

di Roberto Bertellino
In foto la vincitrice, a sx, e la finalista (foto Sergio Errigo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *