L’ATP CUP E’ DELLA SERBIA

Al primo match point la Serbia di Novak Djokovic ha centrato il successo in ATP Cup 2020, la prima edizione della competizione a squadre voluta dall’Associazione dei giocatori professionisti. Ko la Spagna di Rafael Nadal e lacrime di Madrid dimenticate per gli ex jugoslavi. Decisivo il doppio, giocato e vinto dal numero 2 del mondo a fianco di Victor Troicki e contro Feliciano Lopez e Pablo Carreno Busta. Dopo una brutta partenza della Serbia (1-3) Novak e socio hanno cambiato passo e vinto 6-3 6-4 portando il punto del definitivo 2-1. Nella giornata finale successo iniziale di Roberto Bautista Agut su Dusan Lajovic, per 7-5 6-1. La svolta del match dal 5-5 del primo set, quando l’iberico ha cambiato passo e non ha più concesso nulla al rivale. Nella sfida numero 2 di singolare Novak Djokovic ha “smontato” il numero 1 del mondo Rafael Nadal, battendolo 6-2 7-6: “Uno dei momenti più belli ed elevati della mia carriera – ha detto Djokovic al termine – soprattutto perché l’ho condiviso con alcuni dei miei migliori amici”. “Condividere questo momento con Djokovic ed il team – ha detto Troicki – è meraviglioso. Dopo un brutto inizio siamo rientranti in partita, anche grazie all’aiuto dei nostri fan e non abbiamo più mollato”. “Un grande Dusan – ha proseguito Djokovic – che ha giocato il suo miglior tennis di sempre sul veloce. Un gran lavoro il suo ed un gran contributo”. “Un ringraziamento anche a Krajinovic, Kecmanovic, Djere, e Tipsarevic che non sono qui – ha sottolineato Troicki – ma fanno parte del gruppo”. Ora spazio ai festeggiamenti. Oltre 220.000 spettatori nelle tre sedi nell’arco di 10 giornate, la raccolta di 132.200 $ australiani che andrà a favore della Croce Rossa locale per sostenere i costi degli interventi legati al dramma degli incendi che sta colpendo l’Australia in questo periodo: “Complimenti all’organizzazione e agli sponsor, nonché ai volontari – ha detto in chiusura Rafael Nadal – e siamo certi che torneremo il prossimo anno”. Tradotto, la manifestazione organizzata dagli addetti ai lavori è piaciuta (anche per il momento stagionale nella quale è andata in scena) molto di più rispetto alla rinnovata Coppa Davis.

di redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *