A BERGAMO SEMIFINALI SENZA AZZURRI IN SINGOLARE. VAVASSORI E OCLEPPO AVVERSARI IN DOPPIO

Non sarà un tennista italiano ad iscrivere il proprio nome nell’albo d’oro del “Trofeo Faip-Perrel”, torneo challenger da 46.600 euro di montepremi in corso sul green-set del PalaNorda di Bergamo. I quarti di finale sono infatti stati fatali a Roberto Marcora e Andrea Arnaboldi, ultimi due esponenti della pattuglia tricolore. Il 30enne di Busto Arsizio, numero 150 del ranking mondiale e secondo favorito del torneo, finalista dodici mesi fa in questo torneo (fermato solo dal lanciatissimo Jannik Sinner), ha ceduto per 76(4) 63, in un’ora e 53 minuti di gioco, al francese Enzo Couacaud, numero 208 Atp e settimo favorito del seeding. In serata, poi, nel match che chiudeva il programma, il 32enne canturino, numero 292 della classifica mondiale, è stato sconfitto con un doppio 64 dal cinese di Taipei Chun-hsin Tseng, numero 301 della classifica mondiale, proveniente dalle qualificazioni.
Nella parte alta del tabellone hanno staccato invece il pass per le semifinali il francese Hugo Gaston, numero 248 Atp e 15esima testa di serie, che ha regolato con un doppio 64 il turco Cem Ilkel, numero 199 della classifica mondiale e quinto favorito del torneo, e l’ucraino Illya Marchenko, numero 253 Atp, che si è imposto in rimonta, per 67(5) 76(3) 60 sull’altro francese Baptiste Crepatte, numero 365 del ranking.
A contendersi il titolo di doppio ci saranno in campo – oggi – due italiani: da una parte Julian Ocleppo in coppia con il ceco Zdenek Kolar e dall’altra Andrea Vavassori, al fianco dello svizzero Luca Margaroli (sono la seconda testa di serie). Match intrigante, perché proprio Vavassori e Ocleppo hanno giocato parecchio insieme, vincendo ben tre Challenger prima di separare le loro strade: sarà curioso vederli uno contro l’altro.
L’intera programmazione delle ultime due giornate godrà della trasmissione in diretta su Youtube, sul canale ufficiale del torneo, ricalcando l’offerta predisposta da tornei molto importanti, come l’Australian Open (che offre su Youtube i propri play-off, e per anni ha trasmesso le qualificazioni).

da ufficio stampa torneo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *