DJOKOVIC PER I TENNISTI DI SECONDA FASCIA. ANCHE SOARES PARLA DEL PROBLEMA

Novak Djokovic sta assumendo un ruolo attivo nel tentativo di aiutare gli altri giocatori che sono stati colpiti finanziariamente dalla sospensione della stagione. A causa della pandemia globale di Coronavirus, l’ATP e la WTA hanno infatti deciso di interrompere l’annata, cancellando per intero sia lo swing sulla terra rossa che quello sull’erba. Molti dei tennisti di seconda fascia dipendono fortemente dallo svolgimento dei tornei, quindi hanno deciso di lanciare una petizione per ottenere supporto dall’ITF. Djokovic è il presidente del Consiglio dei giocatori, mentre Bruno Soares rappresenta i doppisti inclusi nella Top 100 insieme al veterano austriaco Jurgen Melzer.

Intervistato recentemente da La Nacion, il brasiliano ha illustrato le problematiche attuali: “Ci sono alcuni tennisti che hanno bisogno di soldi su base mensile. Alcuni di loro possono passare anche sei mesi senza giocare, ma la maggior parte no. È complicato. Si tratta di una situazione senza precedenti. C’è grande preoccupazione per i giocatori situati al numero 150, 200, 300 o 500 del ranking, che non hanno modo di guadagnare soldi ora. Djokovic, come presidente, è molto attivo. Mi sento molto coinvolto perché rappresento i doppisti e ci sono tante persone che si trovano in condizioni difficili, stanno soffrendo parecchio in questo momento”.

di redazione

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *