PER RAONIC DJOKOVIC FATICHERA’ A RITROVARE LA FIDUCIA DEI COLLEGHI

Così Milos Raonic, canadese di origine slava, a TSN
Aveva in mente di partecipare all’Adria Tour in Montenegro?:
“Nella mia vita non sono mai stato in grado di giocare di fronte ai miei cugini, poiché come tutti sanno sono nato in Montenegro. Non ho mai giocato di fronte a mia nonna, ai miei zii, alle mie zie e ai miei cugini, quindi ho pensato molto seriamente di prendere parte al torneo. Alla fine ho deciso di non giocarci, dato che al momento non volevo volare in tutto il mondo, sentivo che si trattava di un rischio inutile e ci sarà un’altra opportunità di giocare lì quando le cose saranno un po’ migliorate”.
Non capiva come si potesse giocare l’Adria Tour con il pubblico:
“Ho capito che la stragrande maggioranza dei tornei esibizione si sarebbero svolti senza un pubblico perché non c’era nulla in gioco, ma quando ho visto il gran numero di persone durante l’Adria Tour, sono rimasto molto sorpreso. Personalmente, non mi sarei sentito a mio agio giocando a tennis con così tante persone che conoscono la situazione che il mondo sta attraversando vista la pandemia di coronavirus. ”

Dichiarazioni dei genitori di Djokovic che incolpano Dimitrov per contagio tra i giocatori del torneo:
“Sono stati senza dubbio commenti molto ingiusti. C’erano altre cose che forse avrebbero potuto causarlo. Forse Nole ha catturato il virus quando giocava a basket e nessuno lo sapeva. Siamo in un momento in cui la società è costantemente alla ricerca di un colpevole per tutto. Il mondo ha capito che giocare a tennis con il pubblico in questo momento non funziona “.
La posizione di Djokovic nel Consiglio dei Giocatori è seriamente compromessa:
“So che Djokovic è stato uno dei giocatori che erano contrari a recarsi a New York per giocare agli US Open vedendo le condizioni che ci hanno dato. Ha detto che era impossibile giocare a un Grande Slam in quel modo. Dopo tutto è successo, penso che Nole abbia perso peso sul circuito. Non ho nulla contro Djokovic e penso persino che ci abbia guidato molto bene negli ultimi mesi, ma penso che ora avrà bisogno di molte cose per riguadagnare la fiducia di tutti “, ha detto Raonic, che ha confessato quali sono i suoi obiettivi a breve e lungo termine:” La mia intenzione è che quando tornerà il tennis possa giocare al mio miglior livello. Ho giocato le finali del Grand Slam e so che posso competere contro i migliori giocatori del mondo.

di redazione