LA SECONDA REGINA DEL BETT1 ACES E’ ANASTASIJA SEVASTOVA

Assegnato anche il titolo femminile al termine del match che ha opposto la ceca Petra Kvitova alla lettone Anastasija Sevastova, nel Bett1 Aces di Tempelhof. Da una parte un potente talento mancino, due volte capace di issare la sua “proprietaria” sul tetto più alto di Wimbledon; dall’altra una tenace e resistente interprete del tennis da fondo campo capace però di trovare improvvise soluzioni vincenti. Petra Kvitova sembrava avere il comando delle operazioni (6-3 3-3) quando ha pagato a caro prezzo un passaggio a vuoto che ha rimesso tutto in discussione al match tie-break. Ancora in affanno la ceca (1-5), con la Sevastova che si è limitata ad incassare fino a quel momento i suoi errori. Altri se ne sono sommati, per l’8-2 Sevastova. Sei match point consecutivi sono arrivati di lì a poco per la giocatrice lettone che falliti i primi due ha capitalizzato il terzo conquistando il trofeo sul 3-6 6-3 10-5: “Lei è una gran giocatrice. Ho cercato di rimanere lì e sfruttare le occasioni che mi si sono presentate, in specie a metà del secondo set. Devo ancora decidere cosa farò quando ripartirà il circuito, penso però Palermo e Praga”. Kvitova un po’ incantata a fine match nel ripensare ai troppi errori gratuiti (34) e ai tanti doppi falli commessi anche nel tie-break decisivo. Ottima l’organizzazione e suggestiva la location, con tanto di arrivo dei protagonisti su vetture di alto lignaggio. Il tutto nel massimo rispetto dei protocolli del periodo permettendo agli appassionati di poter tornare ad apprezzare il tennis internazionale ed alcuni dei suoi più attesi autori.

di Roberto Bertellino