A PALERMO FINALE KONTAVEIT – FERRO. KO LA GIORGI AL TERZO SET

Palermo si appresta oggi a consegnare il primo titolo del circuito maggiore Wta dopo la lunga pausa per emergenza sanitaria e al termine di un’intensa settimana che ha fatto messo in campo la ripartenza, tra sorprese, rispetto dei protocolli del periodo, comunque tanta voglia delle protagoniste di tornare a competere. Saranno l’estone Anett Kontaveit, numero 22 Wta e la francese Fiona Ferro, numero 53 del mondo, a giocarsi l’ambito trofeo, con partenza non prima delle 19,30. La transalpina ha interrotto in semifinale i sogni di gloria dell’ultima azzurra rimasta in gara, Camila Giorgi, in tre set  e sul filo di lana (2-6 6-2 7-5).
Partenza a razzo di Camila Giorgi nella sfida con la transalpina di origine italiana, 23 anni e gran diritto. Per la marchigiana un 5-0 denso di significati tecnici, con due break e soprattutto un bel recupero nel quinto gioco dallo 0-40.  Fiona Ferro si è sbloccata nel sesto gioco conquistandolo per l’1-5 parziale. Ha replicato nel successivo con il suo primo break nel set (2-5). Chiusura di Camila sul 6-2, con nuovo break, di forza e potenza pura. La seconda frazione ha visto il match cambiare completamente. Ferro più precisa e Giorgi più fallosa. La Ferro ha restituito ugual moneta all’azzurra (6-2) facendo fin dall’avvio corsa di testa. Nel terzo set un break in favore della francese ha condizionato l’andamento del testa a testa. Brava la Giorgi a rimettersi in corsa al decimo gioco (5-5). Fatale però un suo attimo di rilassamento. Ferro nuovamente avanti e abile nel chiudere subito dopo. Per Camila in ogni caso un buon torneo che le frutterà domani un balzo di 18 posizioni sulla nuova poltrona mondiale di numero 71.
La prima semifinale di ieri ha regalato una parziale sorpresa con la vittoria della quarta testa di serie, l’estone Anett Kontaveit, sulla numero 1 del seeding e 15esima giocatrice del ranking Wta, Petra Martic. Kontaveit molto più precisa nelle trame di gioco, fin dall’avvio, e in grado di incamerare il primo set all’ottavo game grazie a due break piazzati in sequenza, per la fuga sul 5-2. Martic poco ispirata nell’occasione sia nei turni di servizio che in ribattuta. Dopo un medical time-out chiesto dalla tennista estone alla fine della prima frazione la croata ha centrato un break all’inizio della seconda ma questo non è bastato a invertire la rotta del confronto. Kontaveit nuovamente reattiva e ispirata con un grande rendimento in battuta e negli scambi da fondo campo. Nuovo 5-2 per lei e traguardo della finale ad un passo. Tentativo di risposta di Petra Martic, riuscito con un buon turno di servizio (3-5). Errori assortiti della Kontaveit al momento di chiudere e Martic rimessa in corsa (4-5 e servizio), pur sofferente per un problema alla coscia. Break perentorio nel game numero 10 e sesta finale in carriera a livello Wta per Anett Kontaveit, esattamente dieci anni dopo la connazionale Kaja Kanepi: “Non mi aspettavo di vincere così agevolmente – ha detto al termine la tennista estone – ma ho dovuto giocare il mio miglior tennis per superare la Martic”. Oggi il programma si aprirà sul centrale del Country Time Club Palermo alle 17 con la finale del doppio. In lizza per il titolo anche Cocciaretto e Trevisan.

di Roberto Bertellino