RAFAEL NADAL A BRIGLIA SCIOLTA

Si è confessato, Rafael Nadal, in una lunga intervista aperta rilasciata al Corriere dello Sport.
Ha vinto 13 Roland Garros. “Penso sempre di poter perdere. Ci penso tutti i giorni contro qualsiasi avversario e questo è qualcosa che mi aiuta molto ”. Quali sono le tue paure e se temi il Covid?. “Ho paura delle malattie. Per quanto riguarda il Covid, non ho paura per me stesso ma perché se vengo infettato posso contagiare le persone a rischio. Mi preoccupo per i miei genitori, la mia famiglia. È il momento più difficile della nostra vita. Adesso è il momento di lottare per cose più importanti di una partita di tennis. Dobbiamo coltivare la fiducia. ” Lo spagnolo offre un’opinione su come si potrebbe superare l’attuale crisi che il mondo sta attraversando a causa del Covid. “Deve essere affrontato con rispetto. Verso noi stessi, verso i nostri cari, verso gli altri. E poi con responsabilità. Le persone muoiono a causa del virus, ma possono anche morire di fame. Il colpo all’economia è molto duro. È necessario trovare un equilibrio tra salute e lavoro, tra salute e protezione sociale. La sicurezza è fondamentale, ma lo sono anche la libertà e la dignità ”.
Sono tanti gli atleti, non solo spagnoli, che decidono di recarsi nei paradisi fiscali per stabilire la propria residenza. In questo modo evitano di pagare una percentuale di tasse molto più alta. È ancora in Spagna. Il giornalista gli chiede se è orgoglioso di essere spagnolo. “Sono spagnolo e sono felice di esserlo, ma è vero che quando arriva la fattura delle tasse sono un po ‘meno felice. Ho avuto la fortuna di nascere in un paese dalle molte virtù che mi ha dato una bella vita. Mi sento profondamente da Manacor, maiorchino, spagnolo ed europeo. Mi sento fortunato quattro volte ”.
Rafa Nadal spiega chi è Roger Federer per lui. “È uno dei più grandi uomini nella storia dello sport. Per me è un compagno. È stato il mio più grande rivale e questo è stato un vantaggio per entrambi. In alcune cose siamo simili, come essere molto calmi e stare con la famiglia. In altri siamo diversi. Ad esempio, lui è svizzero e io sono latinoamericano. Abbiamo caratteri, culture e stili di vita diversi ”.

Si è sempre detto che lo svizzero avesse più talento di lui: ” Cos’è il talento? Ognuno ha i propri talenti. Per alcuni il suo talento è quello di rendere tutto facile e per altri, saper durare molto più a lungo in campo. Potresti avere il talento per scrivere un articolo in mezz’ora, ma un tuo collega può impiegare sei ore di fila per produrre un articolo eccellente e sarà un giornalista più talentuoso di te “. Schiavo di tante routine durante le sue partite, gli chiedono se diventa superstizioso. “No io non lo sono. Altrimenti, cambierei i miei rituali dopo ogni sconfitta. La mia vita cambia costantemente e competere è molto diverso dall’allenamento. Quello che chiami tic, per me è un modo per mettere ordine in quanto sono una persona molto disordinata. È il modo per concentrare e mettere a tacere le mie voci interiori, per non ascoltare quella voce che mi dice che perderò o per zittire quella voce ancora più pericolosa che mi dice che vincerò. Sulle sue relazioni con alcuni tennisti con i quali non è andato particolarmente bene in passato come Berdych o Kyrgios. “Con Berdych ora abbiamo un buon rapporto. Volevamo anche giocare in doppio insieme. Con Kyrgios dicono anche che non vado d’accordo ma non è vero. Una volta gli ho detto cosa dire e basta. La verità è che coltivare le inimicizie è qualcosa che mi stanca ”. Riguardo a sua moglie, Mery, ha delle belle parole. “È il mio punto di stabilità. La conosco da sempre, da quando eravamo piccoli ”.

Durante tutta la sua carriera, Rafael Nadal ha subito dozzine di infortuni che lo hanno condizionato. “Quando avevo 19 anni, subito dopo aver vinto il mio primo Roland Garros, mi dissero che non potevo più giocare a causa di una malformazione al piede destro. Avevo così tanto dolore che dovetti allenarmi in mezzo al campo seduto su una sedia. Successivamente sono riuscito a riprendermi grazie a un plantare che ha cambiato la posizione del mio piede, ma che mi ha anche provocato dolore alle ginocchia ”. Una delle sconfitte più dolorose della sua carriera è stata subita nella finale di Wimbledon 2007 contro Roger Federer. “Dopo quella partita, ho pianto disperatamente negli spogliatoi per un’ora e mezza. A volte la delusione è terribile, anche se è solo una partita di tennis. Ho anche pianto di dolore come nella finale degli Australian Open 2014 contro il Wawrinka. Mi sono fatto male alla schiena dopo il primo set. Ho perso, ma sono riuscito a finire la partita. Non puoi ritirarti in una finale del Grande Slam “. Borg è andato in pensione otto anni più giovane di lui. Pensi al ritiro? “I tempi cambiano. Ora la vita dell’atleta si è allungata. Se vedi che qualcun altro lo fa e ha successo, pensi: “Perché non io?” Poi ci sono altri fattori, come la fortuna o l’istinto di competizione. Non so quando andrò in pensione. Il tennis è uno sport della mente, non è matematica. Quando verrà il momento, lo saprò. “

di redazione