IL NUOVO ALEXANDER ZVEREV

Essere sotto i riflettori dei media in modo permanente e non sempre per motivi tennistici può logorare chiunque, ma Alexander Zverev ha dimostrato nel tratto finale del 2020 di avere un equilibrio e una maturità sorprendenti, esibendosi ad alto livello di gioco nonostante tutto il rumore che lo circonda. Il processo con il suo precedente manager, le accuse di maltrattamenti dell’ex compagna Olga Sharypova, la sua inaspettata paternità e quella sensazione che il tedesco non finisca di trovare un ambiente dal quale si lascia aiutare, al di là della sua famiglia, hanno circondato il suo personaggio. La rottura con David Ferrer e la sua separazione dal Team8 per legarsi solo ai suoi familiari, nel tennis ed economicamente, sono state interpretate come un modo per proteggersi da quel rumore mediatico, ma il tedesco si affretta a chiarire le cose in un’intervista per il quotidiano tedesco Bild, in cui parla di vari aspetti di notevole interesse. Desiderando un titolo del Grande Slam e sentendosi come un grande passo avanti nella sua carriera la scorsa stagione, Sascha si apre più del previsto e rivela dettagli interessanti.

Rottura con David Ferrer e relazione con Boris Becker “Ho amato David come allenatore. Le nostre personalità si adattano perfettamente e mi sarebbe piaciuto stare con lui. Mi ha detto che aveva bisogno di passare più tempo con la sua famiglia in questo momento e ho capito perfettamente, ma abbiamo lasciato aperta la possibilità di lavorare insieme in futuro “. Ha commentato il tedesco, che non ha mai avuto parole simili riguardo a un precedente allenatore esterno, come Juan Carlos Ferrero, con il quale non è finito nel migliore dei modi, e nemmeno Boris Becker. Interrogato su di lui, è stato schietto. “Ho un buon rapporto con lui, abbiamo collaborato puntualmente da molto tempo, ma non è un’opzione per i prossimi mesi”, ha detto Sascha.
Anela diventare un punto di riferimento nel suo paese. I problemi con il suo precedente agente, Apey, con il quale è finito in tribunale, hanno aperto gli occhi a Zverev, che vuole riprendere il controllo di se stesso. Anche la rottura con il Team8 sembra rispondere a questo per dare il testimone della sua carriera professionale ai parenti. “Coloro che hanno gestito la mia carriera mi hanno sempre visto come un prodotto internazionale, ma io sono tedesco e voglio un modello lì. Vorrei che i bambini mi vedessero come un riferimento e volessero giocare a tennis grazie a me”, ha detto. “C’è stato un tempo in cui non avevo il controllo di molte cose e ora voglio essere coinvolto nei miei progetti e guidarli dove voglio. Mi concentrerò di più sulla Germania”, ha dichiarato un uomo che, con questo predisposizione, potrebbe ripensare alla presenza in Coppa Davis, dopo che il cambio di formato gli fece dichiarare che non avrebbe mai partecipato a quell’evento, che ha sollevato critiche nel suo paese natale.

La sua più grande illusione nel 2021: la paternità
Una delle notizie extra-sportive più inaspettate negli ultimi mesi è stata apprendere che Alexander sarebbe stato il padre del nascituro della sua ex compagna, Brenda Patea. “Sarà la cosa più importante fino ad ora capitata nella vita. Se mi fosse stata data la scelta tra essere padre o vincere uno Slam, avrei sempre scelto la prima opzione. È una sensazione unica per chiunque, Brenda, e ce la farò. Beh, non importa quello che era successo prima tra noi “, ha detto Alexander Zverev, che non voleva rivelare il sesso del bambino e non ha escluso il ritorno a una relazione romantica con la madre.

di redazione