BUON RIENTRO DI THIEM A MADRID

Chi pensava che Dominic Thiem si sarebbe arrugginito dopo due mesi di assenza dalle competizioni si era sbagliato e di molto. Il fuoriclasse austriaco si è dimostrato tonico ieri sera quando ha sconfitto per 6-1, 6-3 il qualificato americano Marcos Giron, raggiungendo il terzo round del Mutua Madrid Open. La terza testa di serie è partita bene alla Caja Magica, dove ha raggiunto la finale nel 2017 e nel 2018. “Non ero sicuro di come sarebbero andate le cose. Le sensazioni erano buone negli ultimi giorni di allenamento, ma mi sono sempre allenato sui campi esterni che sono più veloci, che sono più piccoli, quindi non ero sicuro di come sarebbe stato in partita “, ha detto Thiem. “Ma ci sono state alcune cose che penso abbiano reso il match un po ‘più facile dopo così tanto tempo, soprattutto le condizioni a Madrid, che sono ottime per me. “Poi ho ricordi incredibili su questo campo, dove ho già giocato probabilmente alcune delle migliori partite della mia carriera. Penso che sia per questo che le cose sono andate abbastanza bene stasera”. Thiem non gareggiava dal 16 marzo, quando aveva perso contro Lloyd Harris nella sua partita di apertura a Dubai. Ma il 27enne è apparso riposato nella capitale spagnola, giocando una partita aggressiva ma ordinata per trionfare all’interno dello stadio Manolo Santana dopo 58 minuti. “Per il mio gioco, ho bisogno del 100% di intensità e del 100% di energia. Non sono il ragazzo che può calare durante una partita o che può giocare con un po’ meno di intensità e vincere comunque. Non sono quel tipo di giocatore”, ha detto Thiem. “Ho bisogno del 100% in ogni aspetto del mio gioco. Semplicemente non sono stato in grado di metterlo in campo a Doha, Dubai, o verso la fine degli Australian Open, quindi è per questo che era meglio prendersi una pausa. “Era meglio tornare quando sarebbe stato di nuovo possibile giocare con quel 100% in ogni aspetto del mio tennis”.

di redazione – sito ATP Tour