AL NORD TENNIS DECISE LE OTTO QUALIFICATE. GIA’ NEGLI OTTAVI STEFANINI E BRONZETTI. BENE LA GIOVA PIGATO

La prima parte della seconda giornata di gare sui campi del Nord Tennis Torino, per la 13esima edizione del Trofeo Ma-Bo, 25.000 $ ITF femminile, è stata dedicata agli incontri decisivi delle qualificazioni che hanno sancito l’ingresso in main draw di otto giocatrici. Una delle prime a staccare un biglietto per l’ingresso tra le big è stata la siciliana Dalila Spiteri, gran rovescio ad una mano e propensione al gioco d’attacco. Con un netto 6-1 6-0 ha messo a sedere le giovani velleità della connazionale Nicole Fossa Huergo. Stesso punteggio per la vittoria della rumena Cristina Dinu sull’americana Jessie Aney, in difficoltà fin dal primo fraseggio contro la maggior potenza della rivale. Il tennis estroverso della svizzera Fiona Ganz ha avuto invece la meglio, con un doppio 7-5, su quello più classico dell’americana Ashley Lahey. Promosse anche la spagnola Jessica Maneiro Bouzas, che ha fermato l’australiana Parnaby 6-3 6-2; l’argentina Bosio, autrice del successo affannoso (6-3 4-6 10-8) contro l’azzurra Federica Arcidiacono; la slovena Pislak, che dopo aver battuto in avvio la torinese Chiara Fornasieri si è ripetuta oggi con la connazionale Radisic, fermata 10-7 al match tie-break. In tabellone principale anche la russa Astakhova, n° 1 del pre-draw (6-4 6-1 alla svizzera Sugnaux) e la svizzera In-Albon, n° 2 del seeding preliminare, che ha concesso poco all’alessandrina Enola Chiesa (6-1 6-2).
Intanto ha preso il via il tabellone principale è tra le prime a centrare gli ottavi è stata la toscana Lucrezia Stefanini. Per lei, testa di serie numero 5, successo per 6-4 7-5 sulla francese Sara Cakarevic. Nulla da fare invece per la piemontese Camilla Rosatello, subito fermata dalla rumena Oana Simion. Un 6-3 6-1 che fotografa il tennis ad oggi troppo alterno nell’efficacia della Rosatello. Il derby di 1° turno tra le italiane Lucia Bronzetti e Nuria Brancaccio è andato alla prima, numero 4 del draw, con il netto score di 6-3 6-1 in un’ora e 22 minuti. Bronzetti più solida nell’occasione e mai in vera difficoltà. Sconfitta la laziale tesserata per l’US Tennis Beinasco, Federica Di Sarra, entrata da poco per la prima volta nelle top 300 WTA, per mano della francese Parry (7-6 6-3). Buon esordio della giovane Lisa Pigato, figlia d’arte e classe 2003. La lombarda ha piegato con un netto 6-4 6-2 la rumena Bulgaru salendo negli ottavi. Domani si completa il quadro di primo turno e proseguono anche i doppi. Il programma si chiuderà oggi invece con le sfide Ce (Bra) – Brame (Fra) e Rossi (wild card) – Shapatava (Geo).

di redazione