UN BRASILIANO INEDITO A TODI. A GAIO IL DERBY CON COBOLLI

Pressoché sconosciuto ad inizio settimana, Matheus Pucinelli de Almeida si è fatto un nome a suon di vittorie. Il 20enne brasiliano si conferma la sorpresa degli Internazionali di Tennis Città di Todi | Sidernestor Tennis Cup e si qualifica per la semifinale. Partito dalle qualificazioni, nella prima apparizione Challenger della stagione, Pucinelli si è regalato ai quarti di finale la vittoria più bella della carriera, battendo l’ex top-40 ATP Nicolas Jarry con il punteggio di 3-6 6-3 6-1. Il prossimo ostacolo sul suo percorso sarà il numero due del seeding Mario Vilella Martinez che nel torneo organizzato da MEF Tennis Events non si è ancora concesso sbavature. Impegnato contro l’azzurro Giulio Zeppieri, lo spagnolo si è imposto con doppio 6-3.
Matheus Pucinelli de Almeida: “L’Italia mi porta fortuna” – Dopo aver recuperato un set di svantaggio e rischiato l’eliminazione nei match contro Filippo Baldi e Dmitry Popko, Pucinelli de Almeida ha rimontato anche Nicolas Jarry: “Quella di oggi è la vittoria più importante della mia carriera. Le condizioni erano perfette per me, perché il campo era umido e lento. Anche oggi ho perso il primo set, ma poi le cose sono andate sempre meglio e ho vinto davvero un bell’incontro – commenta il brasiliano -. Ad inizio torneo ho perso 6-1 il primo set contro Baldi, poi anche contro Popko sono stato in svantaggio di un parziale. Alla fine però ho sempre reagito bene e sono fiero di quello che sto facendo”. Vincitore di tre titoli ITF Futures nel 2021, il tennista di Campinas si è presentato al Tennis Club Todi 1971 da numero 409 ATP, suo best ranking. Per quelli che non lo conoscono si racconta come un giocatore completo, in grado di coprire tutte le zone del campo. “Sto giocando bene quest’anno e mi aspettavo di poter vincere diverse partite in questo torneo. Ho sfruttato le chance che mi si sono presentate: adesso può succedere tutto e tutti noi possiamo ambire al titolo”. Il pubblico di Todi sta assistendo alla genesi di un nuovo prospetto, che in Italia ha trovato le condizioni ideali per imporsi: “Dopo la semifinale di Casinalbo mi sono subito ripetuto, evidentemente l’Italia mi porta fortuna”.
Vilella Martinez batte Zeppieri – Termina ai quarti di finale la corsa di Giulio Zeppieri che nel primo match di giornata si è arreso a Mario Vilella Martinez. Altra prestazione maiuscola dell’iberico, che non ha ancora concesso un set nella sua permanenza a Todi. “Affrontare un italiano qui non è mai facile. Il talento di Giulio è noto, già adesso gioca benissimo e per di più è mancino. Nei prossimi anni non ho dubbi, crescerà molto come giocatore”. Dopo i complimenti all’avversario Vilella Martinez non nasconde la soddisfazione per la propria prestazione e parla del prossimo impegno contro Pucinelli de Almeida: “Sono contento perché ho disputato un altro incontro di ottimo livello. Ho gestito bene quei pochi momenti critici che si sono presentati nell’arco della sfida e naturalmente è lì che la mia esperienza è uscita fuori. Adesso in semifinale giocherò contro un ragazzo che ammetto di non conoscere. Sicuramente sulla carta è meglio giocare contro di lui che con Jarry, ma se è arrivato fin qui sicuramente sta giocando bene e non posso aspettarmi una partita facile”. Sul centrale la sessione diurna si è poi conclusa con la vittoria di Tomás Martín Etcheverry, la scorsa settimana campione del Challenger di Perugia. Nessuna difficoltà per l’argentino che con il punteggio di 6-1 6-1 ha sconfitto Alexander Ritschard.
 Termina con le braccia al cielo di Federico Gaio il derby azzurro che ha chiuso i quarti di finale degli Internazionali di Tennis Città di Todi | Sidernestor Tennis Cup. Il tennista di Faenza ha ragione di Flavio Cobolli con il punteggio di 7-5 6-4 e si assicura un posto nella semifinale del Challenger umbro organizzato da MEF Tennis Events. “Flavio è cresciuto tanto in questi mesi e sapevo non sarebbe stato un match semplice. Per vincere ho dovuto giocare la miglior partita del mio torneo, sono contento di come ho lottato su ogni punto e del tennis che ho espresso”. Prevale dunque di esperienza la prima testa di serie della rassegna in svolgimento al Tennis Club Todi 1971. L’allievo di Fabio Colangelo nel primo parziale ha recuperato un passivo di 5-3, riuscendo a contro-breakkare quando il rivale ha servito per il match. In una stagione di alti e bassi, nella giornata di sabato Gaio avrà la chance di staccare il pass per la prima finale stagionale, sulla sua strada ci sarà l’argentino Tomás Martín Etcheverry: “Non sarà un incontro facile. Etcheverry è in fiducia, ha vinto Perugia e non credo che le partite giocate queste settimane lo penalizzeranno. Io devo pensare a me stesso, domani darò il massimo”.

da ufficio stampa torneo (foto Marta Magni)