PAOLINI BRAVA MA NON BASTA CONTRO LA AZARENKA

Non è bastata una delle migliori Jasmine Paolini di sempre per superare la bielorussa Victoria Azarenka, ex n° 1 del mondo e finalista US Open 2020. La toscana, classe 1996, ha giocato un gran match ma al termine si è dovuta arrendere sul 6-3 7-6. Secondo set giocato alla pari con la nobile avversaria, sempre in spinta con i fondamentali da fondo campo e senza timori reverenziali. Uno schiaffo al volo tirato troppo centralmente e ripreso dalla Azaranka le ha impedito di pareggiare i conti una prima volta. Non si è disunita la toscana e si è procurata nuovamente una palla per portare il set al tie-break, con un diritto vincente incrociato. Lo ha ripetuto poco dopo ed è stato 6-6. Azarenka aggressiva, come nel resto del match sulla seconda palla di servizio ancora troppo morbida della Paolini, e concentratissima, per il 4-0 con due mini-break. Paolini in difesa, con orgoglio. Alla fine si è arresa (1-7) ma ha dimostrato di possedere un livello che va ben oltre la sua attuale classifica di n° 99 WTA. Il set iniziale aveva visto l’azzurra cercare i riferimenti sul campo, enorme per le sue abitudini, ma anche in questo caso non aveva demeritato, cedendo al nono gioco. Domani toccherà all’ultima italiana rimasta in gara, Martina Trevisan, cercare di superare la campionessa olimpica Belinda Bencic.

di redazione

Risultati 2° turno femminile:
Jabeur (Tun) b. Osorio Serrano (Col) 6-0 6-1; Svitolina (Ukr) b. Masarova (Spa) 6-2 7-5; Azarenka (Blr) b. Paolini (Ita) 6-3 7-6 (1); Halep (Rom) b. Kucova (Svk) 6-3 6-1; Fernandez (Can) b. Kanepi (Est) 7-5 7-5; Mertens (Bel) b. Grammatikopoulou (Gre) 6-2 6-2; Muguruza (Spa) b. Petkovic (Ger) 6-4 6-2; Osaka (Gia) b. Danilovic (Srb) rit.; Collins (Usa) b. Juvan (Slo) 6-4 6-2; Sabalenka (Blr) b. Zidansek (Slo) 6-3 6-1;