OGGI PROSEGUE TENNIS & FRIENDS A TORINO

In archivio la prima giornata di “Tennis & Friends” al Circolo della Stampa Sporting di Torino. Apertura dei cancelli al pubblico alle 10, con ingresso gratuito fino a esaurimento posti nel rispetto delle norme anti Covid-19. Cadenzati nella giornata gli arrivi dei personaggi chiamati ad animare la due giorni. Tra i primi a precipitarsi sui campi Max Giusti che, tra una partita e l’altra, ha interrotto la serie di interventi delle autorità che dalle 12 hanno ufficialmente inaugurato l’evento. Prima e dopo la parola all’ideatore dell’iniziativa, il Professore Giorgio Meneschincheri, che nell’arco di 10 anni ha permesso lo screening gratuito ad oltre 100.000 persone, alla sindaca di Torino, Chiara Appendino, al presidente del Comitato d’onore delle ATP Finals di Torino, Gianni Ocleppo, al Presidente onorario di “Tennis & Friends”, Nicola Pietrangeli: “Questa è una cosa unica al mondo – ha detto – e non smetterò mai di ricordarlo. La prevenzione è fondamentale anche se spesso la evitiamo per paura della diagnosi”. Momento emozionante per Pietrangeli che 60 anni fa, sullo stesso e oggi rinnovato Campo Stadio, vinse contro Rod Laver, gli Internazionali d’Italia. Binomio Sport e Salute in primo piano, nell’arco dell’intera giornata, con tanti momenti collaterali offerti al pubblico. Dopo le note della Fanfara dell’Esercito Italiano sul Campo Stadio si è esibito il funambolo Vittorio Brumotti che con la sua biciletta ha “scalato” e ridisceso lo Stadio. Molti i tennisti e gli sportivi presenti già in mattinata, da Diego Nargiso a Stefano Pescosolido, da Mara Santangelo a Ciro Ferrara, da Massimo Mauro all’ex arbitro Rosetti. In prima linea, ovviamente, i medici che hanno accolto il pubblico nelle 42 stazioni allestite nel circolo per effettuare gli screening e anche le Forze dell’Ordine. Oggi si replica.

di Roberto Bertellino