PAULA BADOSA, REGINA A INDIAN WELLS

Finale molto combattuta, agonisticamente dai grandi toni, quella che ha assegnato poco oltre l’una di notte in Italia alla spagnola Paula Badosa il prestigioso trofeo nel WTA 1000 di Indian Wells. Ben 3 ore e 4 minuti di gioco tra lei e Victoria Azarenka, due volte vincitrice della rassegna (2021 e 2016) e a caccia del tris, mai riuscito ad alcuna atleta prima. E’ andata vicina all’impresa la bielorussa ma si è fermata sul più bello, al 5-4 30-0 del set decisivo. L’iberica sembrava ormai rassegnata ed invece alcuni errori gratuiti della nobile rivale (che nel complesso ha vinto 9 punti in più nella finale) l’hanno rimessa prepotentemente in carreggiata. Nel complesso più vario il tennis di “Vika”, più potente quello di Paula Badosa. Una volta arrivata l tie-break del set decisivo Paula non ha più avuto dubbi, nè mentali nè tecnici. E’ volata sul 3-0, poi sul 5-1, ha chiuso 7-2, con score finale di 7-6 2-6 7-6. Un’affermazione che ha condotto oggi la bella spagnola al posto n° 11 WTA e alla quasi certa partecipazione alle WTA Finals di Guadalajara, evento per il quale il quadro è ormai quasi al completo.
Nel percorso di Paula delle ultime tre stagioni anche la capacità di superare una brutta depressione. Anche una volta uscita dalla tempesta, Paula si è incagliata spesso davanti all’impegno che vedeva come una montagna: “E’ complicato quando vuoi talmente tanto una cosa. La grande sfida del tennis è proprio mentale, giochi continuamente con la tua testa, e se non sei a posto anche se il fisico lavora, prestissimo sei travolta da pressione, ansia e depressione. Il tennis è uno sport molto duro, devi passare attraverso tante cose”.

di redazione