A BARI OGGI SETTE ITALIANI IN CAMPO

Sono sette i tennisti italiani impegnati oggi fra completamento del primo turno e inizio del secondo nell’“Open Città di Bari”, torneo Challenger ATP con un montepremi di 44.820 euro in svolgimento nel capoluogo pugliese, sui campi in cemento del Country Club. In apertura di programma fa il suo esordio nel main draw Fabrizio Andaloro (senza ranking ATP in singolare), promosso dalle qualificazioni, opposto al tedesco Daniel Masur (n.204 ATP), ottavo favorito del seeding, match slittato ieri a causa della pioggia: non ci sono precedenti tra il 20enne messinese e il 27enne di Bueckeburg. Sono chiamati a completare il loro testa a testa tutto tricolore Francesco Forti (n.327 ATP) e Francesco Maestrelli (n.813 ATP), passato attraverso le qualificazioni, interrotto ieri sul 64 2-1 in favore del 22enne di Cesenatico, vincitore dell’unico confronto diretto, quest’anno nel Future ITF di Nur-Sultan. Prosecuzione anche per la sfida tra Luca Nardi (n.460 ATP), in tabellone con una wild card, e lo statunitense Maxime Cressy (n.122 ATP), quarta testa di serie, che lo ha superato lo scorso anno negli ottavi del challenger indoor di Parma, sospesa sul 5-3 per il 18enne di Pesaro.  Tornano in campo a caccia dei quarti di finale invece altri tre azzurri. Thomas Fabbiano (n.213 ATP), dopo aver regolato all’esordio Roberto Marcora (n.199 ATP), sesta testa di serie, affronta per la prima volta in carriera il 19enne mancino britannico Jack Draper (n.259 ATP). Flavio Cobolli (n.214 ATP), dopo l’affermazione in rimonta sullo spagnolo Nikolas Sanchez Izquierdo (n.315 ATP), trova sulla sua strada il tedesco Tobias Kamke (n.250 ATP), che al debutto ha eliminato Federico Gaio (n.153 ATP), sesto favorito del seeding: il 19enne romano, fresco di premiazione come miglior Next Gen ai SuperTennis Awards 2021, ha vinto in tre set l’unico precedente, nelle qualificazioni del challenger 1 al Garden Roma in primavera. Dal canto suo Raul Brancaccio (n.307 ATP), dopo il successo nel derby tricolore con il siciliano Luca Potenza (n.589 ATP), in gara con una wild card, sfida lo spagnolo Carlos Taberner (n.101 ATP), primo favorito del torneo: è il sesto testa a testa fra i due nel circuito e il 24enne di Torre del Greco è in vantaggio per 3 a 2. Domani sono in programma poi altri due derby italiani. Uno vede protagonisti Andrea Pellegrino (n.218 del ranking ATP), impostosi in rimonta all’esordio sul tedesco Matthias Bachinger (n.256 ATP), e Andrea Vavassori (n.281 ATP), che lunedì ha estromesso il serbo Nikola Milojevic (n.136 ATP), numero 5 del seeding: tre pari il bilancio dei precedenti, l’ultimo dei quali nel 2019 nelle qualificazioni del challenger di Vicenza, vinto dal piemontese. Testa a testa tutto lombardo (fin qui inedito nel tour) fra Filippo Baldi (n.409 ATP ma in gara con il ranking protetto), che ha sconfitto il russo Pavel Kotov (n.267 ATP), e Andrea Arnaboldi (n.265 ATP), che dopo essersi aggiudicato il primo set favore ha avuto via libera per il ritiro del danese Holger Rune (n.103 ATP), seconda testa di serie del torneo, reduce dalle Next Gen ATP Finals di Milano.

di redazione