ITALIA, GRAZIE LO STESSO, TROPPO FORTE IL DOPPIO CROATO

Alla fine è stata la legge del doppio n° 1 del mondo ad avere la meglio e portare la Croazia in semifinale a Madrid nelle Davis Cup Finals by Rakuten. Il sogno azzurro si è infranto in due set davanti al tandem Mektic/Pavic, campioni olimpici in carica e anche di Wimbledon. Devastante Pavic nei suoi turni di servizio e nelle conclusioni al volo. E’ stato proprio lui a chiudere i giochi sul 6-3 6-4 dopo 1 ora e 18 minuti contro il tandem Fognini / Sinner, alla seconda esperienza Davis dopo quella dell’altro giorno (terminata con una sconfitta di misura contro un altro doppio storico del movimento, Cabal e Farah). I due azzurri hanno fatto ciò che potevano ma si sono rivelati un gradino sotto i due croati, in particolare con Fognini in battuta e con alcune conclusioni a rete poco ortodosse di Sinner, che deve ancora crescere come doppista. Si sapeva che il doppio croato faceva parte degli “intoccabili” e così purtroppo è stato. Il bilancio è in ogni caso positivo, considerando l’assenza del nostro numero 1, Matteo Berrettini. Vincere sempre i singolari non è facile e porta troppa pressione. Il doppio deve essere un tassello sul quale costruire ancora nei prossimi anni per puntare a sollevare l’insalatiera. E’ alla portata degli azzurri che meritano applausi pe r quanto fatto in queste giornate torinesi.

di redazione