RUSSIA AVANTI IN DAVIS: ELIMINATA LA SVEZIA ANCHE SE CON PIU’ FATICA DEL PREVISTO

La Davis appiattisce i valori e spesso esalta i più deboli, o coloro che hanno meno da perdere. E’ successo anche ieri a Madrid nell’ultimo quarto di finale tra la superfavorita Russia e la piccola Svezia, capitanata da Robin Soderling. Nel primo dei due singolari sembrava tutto facile per Andrey Rublev, n° 5 del mondo, che è andato a servire per il match sul 6-2 5-4. Un po’ distratto e appesantito dalla responsabilità di dover vincere (è successo anche ad altri nella storia della competizione) si è fatto rimontare da Elias Ymer, n° 171 ATP che si è aggiudicato il secondo set al 12° gioco. Nel terzo solo il tie-break ha ristabilito i valori in campo, con il russo a segno per 7 punti a 3: “Lui aveva poco da perdere – ha detto il vincitore al termine – e ha approfittato”. Il testimone è poi passato a Daniil Medvedev, n° 2 del mondo e leader della sua formazione. Anche Daniil ha patito più del previsto nel set d’apertura, facendosi recuperare l’iniziale break di vantaggio. E’ però tornato a colpire nel nono gioco, chiudendo in quello successivo dopo 37 minuti. Tutto più semplice per lui nella seconda frazione, grazie ad una condotta di gara più attenta e votata all’attacco. Oggi, sempre a Madrid, è in programma dalle 16 la prima semifinale, tra la Serbia di Novak Djokovic e la Croazia di Marin Cilic. Domani, nella stessa sede, quella tra la Russia e la Germania.
Risultati
Russia – Svezia 2-0
Rublev (Rus) b. E.Ymer 6-2 5-7 7-6 (3); Medvedev (Rus) b. M.Ymer 6-4 6-4

di redazione