NEL TORINO CHALLENGER FRANCO AGAMENONE SALE NEGLI OTTAVI

La seconda giornata del Torino Challenger, ATP 80 organizzato da NEN Events, società facente capo a Cosimo Napolitano, in collaborazione con il Circolo della Stampa Sporting, ha messo in campo i sei match del turno decisivo delle qualificazioni e i primi incontri del tabellone principale. A qualificarsi sono stati il rumeno Filip Cristian Jianu, che ha stoppato il tedesco Rosenkranz con lo score di 6-3 7-6; il britannico Ryan Peniston, che al termine di un match spettacolare si è imposto con un doppio tie-break allo svizzero Bellier; Michael Geerts, che ha fermato l’americano Smith in due frazioni; ed ancora Gijs Brouwer (Ola) che ha approfittato del forfeit del tedesco Simon; infine dei francesi Fils ed Escoffier. Il primo ha vinto in modo rocambolesco contro il connazionale Olivetti, che nel secondo set ha avuto tre match point a disposizione sul 6-4 5-4 servizio Fils e non li ha sfruttati. Alla fine Fils si è imposto 4-6 7-6 7-6. Il secondo ha superato in rimonta e dopo essersi ripreso dallo 0-6 iniziale un altro francese, De Schepper. Fondamentale il break colto sul 5-5 del set decisivo, capitalizzato in quello successivo al termine di un game che l’ha visto andare ripetutamente a rete al contrario di quanto fatto per il resto dell’incontro. Escoffier ha chiuso 0-6 6-4 7-5 per la gioia condivisa con la fidanzata presente in tribuna.
Archiviata la prima parte di giornata la seconda ha messo in campo i primi scontri di main draw. E’ stato l’americano Michael Mmoh, il cui nome è dovuto alla passione dei genitori (papà nigeriano e mamma irlandese) per Michael Jordan il pri9mo a salire nel turno successivo. Mmoh, già top 100 ATP, ha superato senza affanni particolari il cinese Zhang, fissando lo score sul 6-1 6-2. Molto più solido del rivale e dotato di un buon servizio l’americano nato a Ryad potrebbe essere una delle sorprese della rassegna torinese. Il primo azzurro a qualificarsi negli ottavi è stato invece l’italo-argentino Franco Agamenone, testa di serie n° 4, che ha imposto un doppio 6-4 al giapponese Moriya. Due break nel primo set (il primo restituito subito al rivale) e uno nel secondo hanno indirizzato il match dalla parte del giocatore che ieri ha eguagliato il proprio best ranking di n° 174 del mondo. Agamenone ha messo in mostra un tennis completo arricchito da alcuni tocchi e volèe di buona fattura. Tornerà in campo non prima di mercoledì. Nulla da fare invece per la wild card Francesco Maestrelli che ha subito la potenza, l’esperienza e la velocità di braccio del tedesco Daniel Masur, n° 6 del seeding. Nel secondo set il break decisivo è arrivato al decimo gioco. Il programma odierno prosegue con gli incroci Bemelmans – Fabbiano, Sels – Potenza e Zeppieri – A.Arnaboldi.
Domani si parte alle 11 con la sfida tra il tedesco Mats Moraing, n° 2 del tabellone e il francese Guinard; sul campo 1, in contemporanea, scontro tra l’argentino Ficovich e l’olandese Brouwer, qualificato. A seguire sul campo centrale atteso esordio per il talento pesarese Luca Nardi, opposto al rumeno Jianu. Quindi testa a testa tra l’esperto tedesco Tobias Kamke e l’olandese Van Rijthoven; in chiusura un altro tedesco, Maximilian Marterer, troverà l’inglese Peniston. Sul campo 1 Lenz (Ger) troverà Escoffier (Fra). Prenderà il via anche il torneo di doppio e in chiusura di programma sul centrale farà il proprio esordio Andrea Vavassori, torinese doc, in tandem con il ceco Jebavy e contro i francesi Olivetti e Guinard.  

da ufficio stampa torneo (foto Sergio Errigo)