CARUSO E’ NEI QUARTI IN GRAN CANARIA E SI TOGLIE…QUALCHE SASSOLINO DALLA SCARPA

Il Gran Canaria Challenger per ritrovare il sorriso e recuperare il terreno perduto la scorsa stagione. Salvatore Caruso vince e convince il secondo turno del torneo organizzato da MEF Tennis Events al Cortijo Club de Campo: battuto il padrone di casa Carlos Gimeno Valero con il punteggio di 6-3 6-4 in un’ora e 34 minuti di gioco.
L’Australia, la top 100, la Nazionale: a tutto Caruso – Prestazione maiuscola del ventinovenne di Avola (provincia di Siracusa) che non ha lasciato scampo a colui che a Gran Canaria conquistò il titolo nel 2021: “Sapevo che sarebbe stata una partita dura, affrontando uno che gioca molto bene su questi campi. Sono partito forte e determinato e ho portato a casa senza grossi problemi il primo set. A quel punto mi aspettavo la reazione che è puntualmente arrivata ma sono rimasto lì, ho continuato a dare energia alla palla e sono contento di essere riuscito a chiudere in due set”. Caruso è stato protagonista di un’esperienza agrodolce a inizio stagione agli Australian Open. Arrivato all’ultimo turno di qualificazioni, il siciliano è stato sconfitto da Taro Daniel, poi però l’esclusione dal tabellone principale del non vaccinato Novak Djokovic gli ha permesso di essere ripescato come lucky loser e di disputare contro Miomir Kecmanovic il primo turno del main draw. Giudizi pesanti sono arrivati da quotidiani e social network in seguito alla netta sconfitta contro il serbo: alcuni hanno definito Salvatore inadeguato ad un certo livello, nonostante a fine 2020 sia stato numero 76 del mondo (oggi è 156). “Chi conosce il tennis sa che queste cose accadono ogni settimana – spiega l’azzurro -. A volte la gente deve riempire spazi vuoti e scrive cose che non esistono. Chi mi conosce sa che persona sono: in Australia ho fatto il mio, ho provato a cogliere la mia chance. Succede tutte le settimane: loro scrivono, io gioco a tennis”. Tornare in top 100 ATP è l’obiettivo primario: “Bisogna lavorare, il livello è molto alto qui a Gran Canaria e nel circuito Challenger in generale. Devo starci con la testa e gestire bene le energie”. Il pensiero va anche alla Coppa Davis, ora che la Nazionale capitanata da Filippo Volandri è a Bratislava per affrontare la Slovacchia: “La Davis è uno dei miei principali obiettivi. Sono molto legato alla mia terra, sarebbe un onore indossare la maglia azzurra: se il capitano mi convocasse ci andrei a nuoto da qui (ride, ndr). Spero di coronare, un giorno, questo sogno”.
Gli altri vincitori di giornata – Non fallisce la prima testa di serie del torneo: Roberto Carballes Baena elimina la wild card Pol Martin Tiffon con lo score di 7-6(5) 6-1. Accedono ai quarti di finale anche Duje Ajdukovic e Johan Nikles.

di ufficio stampa torneo