NEL CHALLENGER DI ROSETO DEGLI ABRUZZI OGGI 10 ITALIANI IN CAMPO. IERI TRE ELIMINAZIONI

Non è iniziato nel migliore dei modi il Challenger di Roseto degli Abruzzi per i colori italiani. Ieri infatti i primi tre rappresentanti dell’Italtennis chiamati al via si sono infranti contro i rispettivi avversari. Lorenzo Giustino si è arreso allo spagnolo Carlos Taberner, n° 1 del seeding, sullo score di 6-2 6-4; Federico Gaio, che prosegue il suo momento no, ha ceduto nel tie-break del terzo set a Nino Serdarusic, croato, ed infine Andrea POellegrino ha alzato bandiera bianca contro il serbo Milojevic, n° 126 del mondo, sul punteggio di 6-2 7-5. Dalle qualificazioni sono saliti al main draw Luciano Darderi, al termine del derby vinto con il torinese Edoardo Lavagno per 6-3 6-2; così il sanremese Matteo Arnaldi che ha piegato Omar Giacalone per 3-6 6-0 7-6. Fuori al turno decisivo Miceli e Capecchi.
Oggi saranno dieci gli azzurri chiamati all’esordio in main draw. Gian Marco Moroni trova lo spagnolo Carlos Gimeno Valero, alle 10 sul campo principale; a seguire Flavio Cobolli, reduce dalla trasferta a Bratislava come sparring se la vedrà con l’argentino (spesso indigesto per gli italiani) Marco Trungelliti. Sempre sul campo principale Alessandro Giannessi cercherà di venire a casa del confronto con lo slovacco Andrej Martin; chiuderà la serie Stefano Travaglia, n° 2 del draw, contro il portoghese Joao Domingues.
Sul campo 1 inizio di giornata con la sfida tra Andrea Arnaboldi e il francese Hemery, proveniente dalle qualificazioni; a seguire la wild card Andrea De Federico sfiderà un altro francese, Alexis Gautier; Luciano Darderi troverà invece Lukas Rosol (Cze); sul campo 3 derby tra Matteo Arnaldi e Francesco Passaro, wild card ed infine Maestrelli, wild card, contro lo spagnolo Izquierdo.

di redazione