ELISABETTA COCCIARETTO TORNA A SORRIDERE A GRADO

Elisabetta Cocciaretto “firma” il quinto successo italiano nelle venticinque edizioni della “Città di Grado” Tennis Cup, torneo internazionale femminile inserito nel circuito Itf e quest’anno con montepremi di 60.000 dollari. La tennista marchigiana, attualmente n. 159 Wta e quarta testa di serie, ha “liquidato” con un duplice 6/2 la svizzera Ylena In-Albon, n. 119 al mondo e favorita della vigilia.  Il match, iniziato con una decina di minuti di ritardo perchè dopo la cerimonia d’apertura con gli inni nazionali c’è stato un forte scroscio di pioggia, vive di sostanziale equilibrio nei primi game di entrambi i set con Cocciaretto che nella prima frazione conquista cinque game consecutivi e nella seconda quattro. La marchigiana iscrive il proprio nome in un albo d’oro prestigioso che conta giocatrici come Flavia Pennetta e Karolina Pliskova. L’ultimo successo italiano risaliva al 2014, quando Gioia Barbieri sconfisse Kateryna Kozlova. Proprio l’ucraina era presente anche quest’anno sull’Isola del Sole come seconda testa di serie ma è stata sconfitta al primo turno da Deborah Chiesa. Oltre a Pennetta e Barbieri il torneo in passato era stato vinto da Valentina Sassi e Maria Elena Camerin. Al termine si sono svolte le premiazioni con il Presidente del Tc Grado Cesare Mesce a fare gli onori di casa, l’Assessore allo Sport del Comune di Grado Renato Bonaldo, i presidenti della Fit e del Coni regionale Antonio De Benedittis e Giorgio Brandolin. Nel corso della cerimonia oltre alle due finaliste sono stati premiati il supervisor internazionale Riccardo De Biase di Foggia e il giudice di sedia internazionale Martina Baldi di Pavia. A tutti i ball-boys ed ai giudici di linea è stata regalata la borraccia del torneo realizzata con il contributo “Eco Fvg”, progetto dell’assessorato alla difesa ambientale della Regione per una regione sostenibile.

da ufficio stampa torneo