A PARMA QUARTI PER CECCHINATO E ZEPPIERI

La quinta giornata dell’“Emilia-Romagna Tennis Cup”, ATP Challenger con un montepremi di 134.920 euro organizzato da Master Group Sport in collaborazione con la Regione, che si sta disputando sui campi in terra rossa del Tennis Club President di Montechiarugolo (Parma), allinea il tabellone di singolare ai quarti di finale. Tre i tennisti italiani scesi in campo a caccia di un posto tra i “best 8” del torneo emiliano: il bilancio è di due vittorie e una sconfitta. Obiettivo quarti raggiunto per Marco Cecchinato (n.206 ATP), che in apertura di programma ha sconfitto lo spagnolo Carlos Taberner (n.88 al mondo e quinto del seeding emiliano) col punteggio di 62 62 in 1 ora 32 minuti di partita. Bravo il 29enne palermitano a difendersi bene sul rovescio e giocare aggressivo col diritto, oltre a tenere numeri molto buoni alla battuta (ha chiuso vincendo 3 punti su 4 con la prima palla in campo). Parte piano il siciliano, subisce un break nel primissimo game dell’incontro, ma poi inizia a far girare il suo gioco riuscendo a strappare per tre volte il turno di battuta al 24enne di Valencia. Marco cancella due delicate palle break all’avvio del secondo parziale e quindi con altri due break si aggiudica l’incontro.  “Al di là del punteggio apparentemente semplice è stata una partita tosta – ha commentato Cecchinato subito dopo il match – un’ora e mezzo di gioco molto intensa disputata sotto un caldo opprimente. Il mio avversario è uno specialista della terra rossa con un ranking ad oggi più alto del mio, e questa vittoria rappresenta uno step importante considerando il livello espresso. Vorrei dedicare questo successo, così come tutti quelli più prestigiosi, a mio zio Gabri, che mi segue da lassù e porto sempre nel cuore”. Nei quarti Cecchinato affronta il 20enne di Taipei Chun-Hsin Tseng, che ha superato in tre set l’argentino Tomas Martin Etcheverry (n.80 al mondo e quarto nel seeding). C’è un precedente, vinto dall’asiatico sul palermitano al torneo di Marbella di quest’anno.

Entra tra i migliori otto anche Giulio Zeppieri (173 ATP, in tabellone grazie ad una wild card) che con una splendida prestazione sconfigge il brasiliano Thiago Monteiro (n.96 ATP e ottava testa di serie), 63 64 il punteggio finale in 1 ora e 25 minuti. Una bella partita dal punto di vista tecnico, entrambi hanno giocato un tennis aggressivo alla ricerca del colpo vincente e il 20enne romano è stato il più efficace e pronto a trovare l’apertura di campo e l’accelerazione definitiva.

Entrambi i set si sono decisi con un solo break strappato dal laziale, bravo a servire con buone percentuali (ha concesso una sola palla break in tutto l’incontro, a metà del primo set). Un dato spicca in particolare: Giulio ha vinto due punti su tre servendo la seconda palla, segnale evidente della qualità del suo match.  “Sono molto contento di aver battuto un giocatore esperto come Monteiro con cui avevo perso appena poche settimane fa” queste le parole di Zeppieri. “Sono stato bravo a gestire i miei turni di battuta e a non arretrare mai. Il mio percorso di crescita sta proseguendo qui a Parma e spero di andare più avanti possibile nel torneo”. Nei quarti Zeppieri trova il croato Borna Coric, n.255 nel ranking (in tabellone con una wild card), che ha battuto Flavio Cobolli (n.150 ATP) col punteggio di 75 64 in poco meno di due ore di gioco.  Non era un match facile per il 20enne romano, visto che il croato vanta un recente passato di n.12 al mondo prima di cadere vittima di una lunga serie di infortuni. Il match è stato molto equilibrato, soprattutto nel primo parziale, con una fase centrale in cui entrambi hanno concesso e annullato palle break. Cobolli cede per primo il turno di servizio sul 5 pari, Coric nonostante un doppio fallo chiude il set 7 giochi a 5. L’italiano parte male nel secondo parziale, complice due doppi falli subisce un break nel primo gioco, ma è bravo a riprendere il rivale con un contro break sul 3 pari. Flavio incappa in un brutto turno di servizio sul 4 pari, cede il game alla seconda palla break, in quello che si rivela l’allungo decisivo. Andrea Arnaboldi ha già ottenuto il suo pass per i quarti di finale grazie al successo di ieri contro il colombiano Galan.

da ufficio stampa torneo