TRE ITALIANI A CACCIA DELLE SEMIFINALI NEL CHALLENGER DI MILANO

È giorno di quarti di finale all’“ASPRIA Tennis Cup – Trofeo BCS”, torneo Challenger dotato di un montepremi da 45.730 € in corso di svolgimento sul “rosso” dell’ASPRIA Harbour Club di Milano. Tre tennisti italiani scendono in campo puntando alle semifinali. 
Il programma scatta con la sfida sulla carta più impegnativa per un azzurro: Luciano Darderi (n.235 ATP, settima testa di serie del torneo) sfida il favorito del seeding, l’argentino Federico Coria, n.70 del mondo. C’è un precedente, disputato lo scorso anno sulla terra battuta di Brasilia, vinto in due set dal 30enne albiceleste nato a Rosario. Il 20enne azzurro, nativo di Villa Gesell (Argentina) viene dall’ottimo risultato ottenuto al Challenger di Perugia dove, partendo dalle qualificazioni, si è issato sino alla semifinale, sconfitto dal quotato Jaume Munar dopo una dura battaglia.  A seguire torna in campo Francesco Passaro (n.254 del ranking, ottavo nel seeding e in tabellone come “alternate”), che dopo la convincente vittoria di giovedì al secondo turno è a caccia di un posto tra i migliori quattro del torneo meneghino. Al di là della rete trova il norvegese Victor Durasovic (n.315 ATP), vittorioso al secondo turno su Raul Brancaccio. Non ci sono precedenti tra il 21enne perugino e il 25enne di Orkdal. Entrambi amano comandare lo scambio da fondo campo grazie al diritto aggressivo, il match potrebbe essere assai combattuto.  Terzo azzurro in programma (non prima delle 14.30) la wild card Matteo Gigante (n.322 ATP), opposto all’ungherese Fabian Marozsan, non ci sono precedenti tra il mancino romano e il 22enne di Budapest. Anche il 20enne laziale sta attraversando un ottimo momento di forma, come dimostrano i risultati degli ultimi tornei disputati e la conseguente crescita nella classifica mondiale avuta nelle ultime settimane, che l’ha portato all’attuale best ranking. Sul grand stand si disputa il quarto incontro di quarti di finale, tra il lucky loser nipponico Shintaro Mochizuki (n.386 ATP e campione all’edizione 2019 di Wimbledon junior) e il russo che gioca senza bandiera Alexander Shevchenko (n.173 in classifica).

dal sito www.federtennis.it