LA GIORNATA SPECIALE DI DAVIDOVICH FOKINA E MURRAY

A Wimbledon non sorprende la pioggia che come da copione ha costretto per due volte all’interruzione dei match sui campi non coperti, mentre ha sorpreso la sconfitta di uno degli outsider di lusso del torneo, il polacco Hubert Hurkacz, semifinalista della scorsa edizione. A batterlo, dopo un confronto ad elastico, è stato lo spagnolo Davidovich Fokina, definito terraiolo ma da junior capace di vincere sull’erba del “tempio”. L’iberico aveva praticamente vinto l’incontro quando si era portato a tre match point sul 5-3 e servizio nel terzo set, dopo aver conquistato i primi due. Poi si è visto rimontare dal polacco che nel quinto set è andato avanti per due volte di un break. Davidovich Fokina ha reagito, pareggiato e portato il match al supertie-break. Anche qui è stato indietro 4-7 prima di chiudere al quinto match point e salire al secondo step del torneo. Hurkacz, n° 7 del seeding, nel 2021 era giunto fino alla semifinale.
Lotta dura anche per la quinta testa di serie, ma in questo caso con esito positivo. Carlos Alcaraz ha sconfitto in rimonta il tedesco Struff per 4-6 7-5 4-6 7-6 6-4. IL teutonico è stato avanti per due volte di un set ma alla fine è capitolato.
Cosa che non ha fatto Murray contro James Duckworth in chiusura di programma sul centrale. Dopo aver ceduto il primo set, ancora un po’ imbastito per la sosta causa infortunio (a Stoccarda contro Berrettini) il due volte campione di Wimbledon è salito di tono e ha fatto suoi i successivi tre set per la gioia del pubblico di casa. Ora troverà John Isner. Vittoria anche per il numero 3 del seeding, Casper Ruud, che sta cercando di capire l’erba dopo aver compreso il cemento. Ieri si è imposto in tre set (i primi due vinti al tie-break) all’iberico Ramos Vinolas.

di redazione