PER ZEPPIERI PROVE DA CAMPIONE

Giulio Zeppieri si mostra orgoglioso e ottimista dopo aver tenuto testa a Carlos Alcaraz nella semifinale del “Plava Laguna Croatia Open”, ATP 250 disputato sulla terra battuta di Umago, in Croazia, e dotato di 534.555 euro di montepremi. Il 19enne murciano si è imposto in tre set, ma nel finale Zeppieri ha sofferto di crampi che lo hanno pesantemente condizionato negli ultimi game, dal 3-3 della frazione decisiva e dopo aver recuperato due break al rivale. La settimana del ventenne di Latina rimane però più che positiva. Senza dubbio, è la sorpresa del torneo insieme a Franco Agamenone, sconfitto nell’altra semifinale da Jannik Sinner. Zeppieri, partito dalle qualificazioni, ha ottenuto qui la sua prima vittoria nel circuito maggiore (all’esordio contro l’argentino Pedro Cachin, n. 90 ATP). E grazie alla semifinale passerà da numero 168 a numero 133 nel ranking ATP, entrando per la prima volta in Top 150. 
“Abbiamo giocato un match molto intenso, con tanti scambi belli. Sono contento della mia prestazione, e di quello che significa per il futuro. Ho giocato un’ottima partita, se continuerò a lavorare duro potrò giocare match così ad ogni torneo” ha detto in conferenza stampa. Grande amico di Lorenzo Musetti, Zeppieri si conferma misurato e ambizioso. “So quanto bene posso giocare, ma me è stata una nuova esperienza affrontare il numero cinque del mondo. Mi ha spinto a stare al suo livello, e ho capito che lavorando duro posso avere quel livello. Voglio giocare così sempre, e devo impegnarmi ancora tanto per riuscirci” ha spiegato. Impossibile poi non parlare dello scambio più bello del torneo, andato in scena sul 5-3 nel primo set. “Abbiamo giocato un punto incredibile, in quel momento ero concentrato solo sul mio tennis, sul prossimo punto, ma non sul pubblico, su quello che stava succedendo intorno”. In quello spettacolare primo set, Zeppieri ha avuto anche tre occasioni per chiudere il parziale in suo favore. Ma Alcaraz ha estratto tre soluzioni diverse sui set point. “Carlos è un campione, ha giocato quei punti da campione – ha ammesso Zeppieri -. Ha tirato due diritti vincenti, una stop volley. Non ho mai avuto una vera chances in quelle occasioni”.

dal sito www.federtennis.it