KYRGIOS INFIAMMA ANCHE MONTREAL. ELIMINATO IL CONNAZIONALE DE MINAUR

Adesso è lui l’uomo da battere. Nick Kyrgios, dopo aver messo sotto il n.1 del mondo Daniil Medvedev, rifila un emblematico 6-2 6-3 al connazionale Alex De Minaur (che, conoscendolo bene, poteva esser e un avversario insidioso) e domina dall’alto i quarti di finale del National Bank Open presented by Rogers di Montreal. Vederlo giocare è sempre uno spettacolo di varietà ma lui scherza sempre meno: con la vittoria di ieri è già sicuro di risalire almeno altri 10 posti in classifica, risalendo nei primi 30. Ma dopo la finale di Wimbledon e il successo di Washington pare soprattutto interessato a prendersi tutto qui e subito. Comincerà a dimostrarlo nella sfida contro il polacco Hubert Hurkacz che ha faticato moltissimo per avere la meglio su Albert Ramos Vinolas, superato solo al tie-break del terzo set. Hubi, il gigante gentile, consolida così la sua candidatura a un posto per le Nitto ATP Finals di Torino e, nonostante non appaia al massimo delle sue possibilità, ha i mezzi per provare a fermare la corsa di Kyrgios.
Il secondo quarto di finale, partendo dall’alto del tabellone, sarà di sicuro il più nobile e il più atteso: Casper Ruud, n.7 del mondo ma quarta testa di serie, affronterà Felix Auger-Aliassime, nativo di Montreal e dunque amatissimo beniamino di casa, che ha superato agevolmente (6-4 6-4) l’esame del britannico Cameron Norrie, uno che regala pochissimo, a qualunque livello. Appare molto rilassato l’allievo di Toni Nadal e gioca sciolto. A Montreal lo coccolano molto. Per il suo compleanno, lunedì 8 agosto, gli hanno organizzato una festicciola a sorpresa sul campo centrale facendogli incontrare al pianoforte (che suona piuttosto bene) la giovane compositrice Alexandra Stréliski, una sorta di Giovanni Allevi canadese al femminile. Ha dunque la sua bella occasione di brillare, dopo il flop al primo turno di Denis Shapovalov, l’altro grande talento Made in Canada.

di redazione e sito www.federtennis.it