SONEGO OGGI IN CAMPO CONTRO RUNE. ESORDIO DI SINNER A SOFIA

Continua a sorridere Lorenzo Sonego nel circuito internazionale. Dopo la vittoria scacciacrisi di Metz ieri il torinese ha ripreso il cammino vincente (sesto match senza perdere nemmeno un set) nel 250 ATP di Sofia. Una giornata passata in volo e un’altra, quella di ieri, di relax con allenamento soft per prendere confidenza con la superficie, sono state sufficienti a ricaricarsi. Ieri è arrivata l’affermazione contro lo spagnolo Bernabe Zapata Miralles, numero 78 del ranking e giocatore dotato di grande solidità da fondo. Sonego, numero 45 ATP, ha saputo ben interpretare il testa a testa rimanendo concentrato fino al termine e mettendo a segno i punti che contavano con grande cinismo e lucidità. E’ accaduto nel secondo set, dopo aver vinto il primo 6-3, quando ha strappato il servizio al rivale nel nono gioco ed è andato a servire per il passaggio di turno in quello seguente. Dallo 0-30 ha raccolto energie, fisiche e mentali e chiuso al primo match point dopo averlo conquistato grazie ad un’ottima prima di servizio per salire 40-30: “Sono contento – ha detto al termine – perché sono stato aggressivo e ho servito molto bene. Questa la chiave della vittoria contro un ottimo avversario”. Oggi, attorno alle 13 in Italia, è atteso dal danese Holger Rune, quinta testa di serie e reduce dal successo non banale (7-6 7-6) contro l’olandese Van Rijthoven. L’unico precedente tra l’azzurro e Rune risale al torneo di Metz 2021 quando fu il nordico ad imporsi per 6-4 al terzo set. Ier i a segno anche Lorenzo Musetti, che ha domato la resistenza del giocatore locale e wild card Alexandar Lazarov che ha giocato a grande livello i primi due set. Musetti è stato bravo a pareggiare i conti nel tie-break del secondo set, dopo aver perso il primo sempre al tie-break e venire fuori alla distanza nel terzo, con il bulgaro evidentemente scarico sia fisicamente che mentalmente.
Alle 17 oggi esordirà Jannik Sinner, numero 1 del draw e campione uscente, contro il portoghese Nuno Borges sulla carta un avversario abbordabile per il umero 10 del mondo. Il match vale, come per Sonego, l’ingresso nei quarti di finale.

di redazione