CECCHINATO HA MESSO LA FIRMA SUL CHALLENGER DI LISBONA

Anche se con un paio di giorni di ritardo, si è fatto davvero un bel regalo di compleanno Marco Cecchinato, tornato al successo nel “Del Monte Lisboa Open”, Challenger ATP dotato di un montepremi da 45.730 euro che si è concluso sui campi in terra rossa della capitale portoghese.  In finale il 30enne di Palermo, n.137 del ranking e quinto favorito del seeding, ha regolato per 63 63, in un’ora e 24 minuti di partita, il francese Luca Van Assche, n.289 ATP, proveniente dalle qualificazioni e vera sorpresa del torneo, alla sua prima sfida per il titolo a livello Challenger. Match senza sbavature quello giocato dal siciliano, che grazie ai punti conquistati in terra portoghese recupererà almeno una ventina di posizioni nel ranking (virtualmente è n.114 ATP). Nel primo confronto con il 18enne di Woluwe St. Lambert, l’azzurro ha fatto valere l’esperienza, tendendo sempre il suo giovane avversario a debita distanza, grazie soprattutto al rovescio, tornato a funzionare come si deve. Marco non ha concesso palle-break ed ha strappato per tre volte il servizio al suo avversario: nell’ottavo gioco del primo set e nel settimo e nel nono della seconda frazione (con il francese che aveva rischiato tantissimo già nel quinto game, costretto ad annullare quattro palle-break). Cecchinato ha chiuso al terzo match-point su un diritto incrociato del suo avversario che non ha trovato l’angolo. Per l’ex n.16 ATP (2019) percorso netto visto che sulla strada che lo ha portato al titolo non ha lasciato neanche un set.   Ottimi anche i numeri al servizio per il siciliano: 6 ace ed un solo doppio fallo, il 69% di prime in campo con il quale ha ottenuto il 78% dei punti ma anche un buon 59% di punti vinti con la seconda. Cecchinato ha così messo in bacheca il sesto trofeo Challenger, su 15 finali disputate in carriera: il primo quattro anni dopo quello vinto a Santiago nel 2018.

dal sito www.federtennis.it