PER MUSETTI A SOFIA UNA SCONFITTA CHE BRUCIA

E’ una sconfitta che brucia anche quella subita da Lorenzo Musetti nella prima delle due semifinali di Sofia. Il carrarino ha ben giocato ma non è stato cinico nei due passaggi chiave del match contro lo svizzero Marc – Andrea Huesler, n° 95 ATP per la prima volta in carriera salito in una finale del circuito maggiore. Grande equilibrio tra i due con il servizio che è stato dominante. La decisione del primo set è giunta al tie-break e Musetti è sembrato poterlo far proprio quando è salito 5-1. Poi un improvviso black-out con molti errori, compreso un doppio fallo, ha rimesso in gioco il mancino elvetico che ha chiuso con un parziale di 6 punti a 0, proseguito nel primo game del secondo set (0-10 la sequenza orribile per l’azzurro). Musetti si è rimesso in carreggiata e sul 4-4 della seconda frazione ha avuto l’unica palla break dell’incontro che se capitalizzata avrebbe potuto far girare il confronto. Bravissimo Huesler, su una risposta bloccata dell’azzurro a trovare una pregevole soluzione di volo e annullarla. Sul 5-6 Musetti ha perso la battuta per la prima volta nel match con un altro doppio fallo a metà game, sul 30-30, e ha ceduto allo svizzero. Musetti si consolerà solo in parte con il best ranking sicuro di domani (dovrebbe salire al posto n° 27 ATP). Detto di Sinner in un altro articolo gli azzurri di maggior spicco in classifica mondiale, Berrettini, Sonego e lo stesso Musetti, torneranno in gara tra due settimane a Firenze nel 250 ATP.

di redazione