UN ALTRO GIOVANE FENOMENO SEMPRE PIU’ IN ALTO, HOLGER RUNE. OGGI FINALE A PARIGI CONTRO DJOKOVIC

Holger Rune si era annunciato togliendo il primo set a Novak Djokovic al suo debutto Slam, allo US Open del 2021. Poco più di un anno dopo, il danese si ripresenterà davanti al serbo da Top 20, in finale al Masters 1000 di Parigi-Bercy. Se dovesse batterlo, e trionfare a Bercy, Rune entrerebbe per la prima volta in carriera in Top 10. Rune ha battuto 64 62 Felix Auger-Aliassime che aveva vinto le ultime 16 partite giocate, firmato il quarto successo su un Top 10 in quattro giorni e raggiunto la quarta finale consecutiva dopo quella vinta a Stoccolma e le due perse a Sofia e Basilea. Un bel modo per prepararsi alla seconda partecipazione consecutiva alle Intesa Sanpaolo Next Gen ATP Finals di Milano. Rune ha messo in mostra notevoli progressi anche nei pressi della rete ed è stato in grado di mettere in atto contro il canadese un piano perfetto sotto il profilo tattico: “Aveva un piano di gioco chiaro, Rune, capace di battere Hubert Hurkacz e Andrey Rublev prima di beneficiare del ritiro di Carlos Alcaraz che ha annunciato il forfait alle Nitto ATP Finals e in Coppa Davis. “Volevo mettere Felix sotto pressione, e ce l’ho fatta in maniera quasi perfetta. Sono molto fiero di come ho gestito tutto” ha detto il danese, che ha vinto 18 delle ultime 20 partite giocate e sarà di sicuro almeno numero 12 del mondo da domani. Il serbo, invece, ha sofferto e rischiato contro Stefanos Tsitsipas ma ha vinto gli ultimi quattro punti nel tie-break decisivo prima di imporsi 62 46 76(4) e firmare la quarta vittoria di fila contro il greco. Bravo Djokovic a risollevarsi nel tie-break dal 3-4 con mini-break a sfavore. Evidente la sua soddisfazione al termine: “Quando vinci partite così contro uno dei migliori giocatori del mondo è una sensazione molto dolce – ha detto Djokovic -. Penso di aver iniziato la partita molto bene, colpivo alla grande come nei quarti contro Musetti. Ma non sono riuscito a sfruttare le occasioni per fare il break nel secondo set e il match è cambiato. Stefanos ha alzato il suo livello e meritatamente abbiamo iniziato una battaglia punto a punto, con alcuni colpi incredibili nel finale. Sono felice di aver superato questa sfida”.
Oggi la finale per il titolo (sarebbe il settimo per il serbo a Parigi Bercy), alle ore 15 (diretta Sky Tennis).

di redazione