NewsTornei Internazionali

FOGNINI SPERA POI CADE AL QUINTO CONTRO CILIC A PARIGI

Più partite in una, come spesso accade quando in campo c’è Fabio Fognini, delizia e croce (ma prima delizia) del tennis italiano. Opposto negli ottavi di finale del Roland Garros a Marin Cilic, croato che conosce bene l’Italia (in gioventù si è allenato a Sanremo presso l’Accademia di Bob Brett), il numero 1 italiano è partito un po’ in sordina e dopo aver perso il primo set al decimo gioco (4-6) è calato nel secondo, sotto i colpi sempre più precisi e potenti di Cilic: 6-1 per il croato e speranze del numero 1 italiano di vedere i quarti sempre più flebili. L’inizio del terzo set ha mutato il quadro, con Fognini meno falloso e quindi nervoso, Cilic un po’ meno pressante e determinato. L’azzurro ha chiuso 6-3 allungando il confronto. Quarta frazione in grande equilibrio. Il ligure ha annullato un match point sul 4-5 e servizio, ha spinto fino al tie-break e si è imposto per 7 punti a 4. A quel punto l’equilibrio psicologico del testa a testa sembrava dalla parte dell’azzurro, che ha tenuto la battuta fino al 3-2. Nel fatidico settimo gioco Fabio ha recuperato lo svantaggio con alcuni colpi eccezionali ma sul 40-30 ha commesso un doppio fallo che ha fatto girare il match. Cilic si è rinvigorito e dal quel momento non ha più sbagliato nulla. Ha colto il break, tenuto il servizio per il 5-3 e strappato nuovamente la battuta al rivale, uscito a testa alta dal Centrale, ma battuto. Peccato perché ad un certo punto l’impresa (da due set a zero sotto) era parsa possibile. Applausi a Cilic che sta giocando il miglior tennis di carriera sulla terra rossa. Alla fine ha sigillato lo score sul 6-4 6-1 3-6 6-7 6-3.
Quarti di finale conquistati anche da Juan Martin Del Potro che ha rifilato un periodico 6-4 6-4 6-4 a John Isner.

di Roberto Bertellino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *