NewsTornei Internazionali

DJOKOVIC BATTE UNO SPENTO FEDERER A CINCINNATI

Un solo giocatore in campo, o quasi, nella finale del Masters 1000 di Cincinnati, il settimo di stagione. E’ stato Novak Djokovic e fa notizia che dalla parte opposta della rete ci fosse Roger Federer. Il serbo si è imposto con un doppio 6-4 ma è sempre stato in testa, soprattutto dal punto di vista psicologico. Non fa eccezione il vantaggio di un break ottenuto dallo svizzero all’inizio del secondo set (2-0), sfruttando un piccolo passaggio a vuoto del serbo (doppio fallo finale), subito restituito, per il successivo 2-2. Altro break nella frazione decisiva in favore di Djokovic, per salire 4-3 e servizio e chiudere poco dopo con il secondo 6-4. Per Novak il 70° titolo in carriera, secondo stagionale. Federer, che ha commesso ben 39 errori gratuiti, è stato poco efficace a rete (14 punti su 24 discese) e ha risposto maluccio; terza finale persa nel 2018 dopo quelle di Halle e Indian Wells: “E’ sempre piacere condividere il campo con te – ha detto al termine Djokovic – grande campione. Sono molto felice ed essere a questo livello mi sembra irreale. Grazie a tutti voi per averci sostenuto tutta la settimana. Così ai volontari che stanno al desk e ti danno ogni mattina la carica”. Per Djokovic la “prima” a Cincinnati vale anche il successo (unico giocatore in attività) in tutti i Masters 1000 del circuito (sono 9 in totale). Federer dovrà mettere a punto molte cose nella prossima settimana per presentarsi competitivo per il titolo agli US Open, soprattutto il diritto che da quando è iniziata la stagione sull’erba lo ha un po’ abbandonato.

di Roberto Bertellino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *