Mondo JuniorNewsRegioniTornei InternazionaliToscana

FURLANETTO IN EVIDENZA NEL “CITTA’ DI FIRENZE”. ALLA PIGATO IL DERBY CON LA ROSSI

in foto Marco Furlanetto (foto Camel)

Marco Furlanetto, nativo di Massa Carrara come Lorenzo Musetti, sta cercando di lasciare il segno nella 44esima edizione del torneo internazionale giovanile “Città di Firenze – Trofeo Banca Intesa San Paolo”, giunto a tre quarti di percorso con le finali fissate nel tradizionale lunedì di Pasquetta.
Furlanetto, reduce dagli incontri di qualificazione, dopo aver domato all’esordio lo sloveno Planinsek, ha conquistato lo scalpo del favorito numero 3 del seeding, quel Flavio Cobolli che era ritornato a Firenze per ritagliarsi un pezzo di gloria. Non c’è stato nulla da fare, tra alti e bassi, Furlanetto ha tagliato il traguardo con il punteggio di 75 75. Un match, come si evince dal risultato, molto lottato con tanti errori da parte di entrambi i contendenti ma anche lunghe situazioni di bel gioco che hanno deliziato il pubblico presente sulle tribune del centrale. Chi cammina con tranquillità fra gli ostacoli del torneo è il perugino Francesco Passaro, favorito numero due, che in due incontri ha lasciato per strada la miseria di 9 games. Oggi ha superato (63 62) il croato Mile Matic. Avanza anche il ligure Biagio Gramaticopolo che non ha avuto troppi problemi nel superare (63 64) il romagnolo Marcello Serafini. Ai quarti anche il piemontese Filppo Moroni e Luca Nardi, oggi protagonisti di un derby tricolore che vale la semifinale.

Nel tabellone femminile la sorpresa più eclatante è stata la sconfitta della favorita numero 1, la svedese Caijsa Wida Henneman, che ha trovato semaforo rosso (63 64) con una giocatrice croata, Tara Wurth, che comincia a coltivare ambizioni di grande livello. Nei quarti Wurth incrocerà la racchetta con la più giovane delle atlete azzurre, la bergamasca Lisa Pigato che, con il punteggio di 64 75, ha fatto suo il derby con Federica Rossi (5).

Nulla da fare per le due Matilde. La perugina Matilde Paoletti si è dovuta arrendere sotto i colpi di una concreta Romana Cisowska. Lo score (75 63) dice della forza dell’atleta slovacca, ma testimonia anche la bravura della tennista umbra. Anche Matilde Mariani lascia il torneo di singolare: troppo forte la spagnola Carlota Martinez Cirez (3) che ha battuto la tennista di Arezzo con il punteggio di 63 64.

di redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *