LazioNewsRegioniTornei Internazionali

PROGRAMMA STELLARE A ROMA CON I QUARTI DI FINALE DEI DUE TORNEI

Roger Federer (foto Giampiero Sposito)

Si parte alle 12, con il primo quarto di finale del torneo femminile. Lo giocheranno la numero 1 del mondo, Naomi Osaka, e la campionessa di Madrid, Kiki Bertens. Non prima delle 14,30, sempre sul centrale derby spagnolo tra Rafael Nadal e Fernando Verdasco, con il primo che conduce 17-3 nei precedenti: “Sto migliorando partita dopo partita – ha detto Rafa – e so che troverò un avversario molto forte e difficile per chiunque. Non sono preoccupato per non avere ancora vinto un titolo quest’anno. Fa parte della vita e dello sport”. Anche Verdasco è carico: “Sto giocando bene, così come fatto a Madrid, anche se le condizioni tra i due siti di gara sono molto diverse. Ovvio che Rafa sia il favorito. Lo considero un amico, anche se non andiamo tutte le sere a cena”. Alle 13,30 Nishikori affronta Schwartzman sul Grandstand. Il nipponico conduce 3-0 nei precedenti ma dovrà guardarsi dalla regolarità del rivale. La seconda partita di quarti di finale femminile andrà in scena sul Pietrangeli non prima delle 14,30 e vedrà impegnate la rediviva bielorussa Viktoria Azarenka e la ceca Karolina Pliskova, testa di serie numero 4. Sul Grandstand, a seguire Nishikori – Schwartzman, in campo Voundrousova – Konta.
Alle 16 la prima delle due sfide tra generazioni, quella tra Roger Federer e Stefanos Tsitsipas, prima volta sulla terra. Il greco ha vinto a Melbourne in gennaio, centrando la semifinale Slam; Federer si è rifatto a Dubai, andando a bersaglio per la 100esima volta in carriera.
Alle 19,30 sul centrale sfida tra sorprese. Da una parte la francese Mladenovic, “signora Thiem”, troverà la greca Sakkari (mai così in alto in una rassegna così importante) che ieri ha incassato il ritiro della ceca Kvitova.
Chiusura trionfale con un’altra classica del tennis mondiale maschile. Da una parte Novak Djokovic, dall’altra il rientrante Palito, Juan Martin Del Potro. Tutta da vivere a partire dalle 21.

di Roberto Bertellino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *