AtletiNews

L’ADDIO DI MARIA SHARAPOVA E’ UFFICIALE

Un servizio esclusivo su Vanity Fair e Vogue ha sancito il definitivo addio di Maria Sharapova alle scene tennistiche. La base dello stesso servizio è una lettera aperta firmata dalla 32enne giocatrice russa, 5 volte campionessa Slam che nella fase di preparazione alla stagione corrente si era impegnata e non poco presso il Piatti Tennis Center di Bordighera.

LE PRIME PAROLE DELLA LETTERA
“Come fai a lasciarti alle spalle l’unica vita che tu abbia mai conosciuto? Come ti allontani dai campi su cui ti sei allenata da quando eri una bambina, il gioco che ami, che ti ha portato dolori e felicità incredibili, uno sport in cui hai trovato una famiglia, insieme ai tifosi che ti seguono da sempre per oltre 28 anni? Lo so questo, quindi per favore perdonami. Tennis, ti sto dicendo addio”.

Nel 2020 Maria Sharapova, campionessa giovanissima a Wimbledon 2004, ha disputato l’Open d’Australia venendo sconfitta al primo turno dalla croata Vekic, per 6-3 6-4. La sua prima vittoria Slam era arrivata a 17 anni, in finale su Serena Williams. Nel tragitto della sua carriera sportiva anche l’assunzione di una veste imprenditoriale e mediatica. In primo piano il brand di caramelle Sugarpova. La seconda perla Slam è datata 2006, agli US Open in finale contro la belga Henin (6-4 6-4). Il terzo è arrivato due anni dopo, nel 2008 a Melbourne, superando Jelena Jankovic. Bella e personaggio copertina ha avuto anche diverse love story con illustri interpreti del mondo dello sport come il cestista Vujacic e il collega Dimitrov. Nel 2012, dopo quattro stagioni di digiuno Slam, è arrivato il primo titolo a Parigi, bissato nel 2014. E’ del 2016 la sua ammissione in conferenza stampa (con successiva squalifica di 15 mesi) di non aver superato un test antidoping, effettuato nel corso degli Australian Open dello stesso anno. Per anni la più pagata atleta al mondo, Maria Sharapova è ancora tra le big della speciale liste. Poche le soddisfazioni agonistiche nelle ultime due stagioni, con attuale classifica oltre la 300esima piazza mondiale.

di redazione

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *