IntervisteNewsTornei Internazionali

SONEGO HA VOGLIA DI DAVIS, POI INDIAN WELLS E MIAMI

Ultimo allenamento sabato scorso per Lorenzo Sonego al Green Park di Rivoli, prima della partenza per Cagliari dove nel fine settimana sarà protagonista con l’Italia nella sfida Davis contro la Corea del Sud; si tratta per il torinese della seconda convocazione con la maglia tricolore: “E’ sempre un onore essere convocato in Davis, sempre un’emozione fantastica poter affrontare quel palcoscenico. Così giocare in casa, a Cagliari. Spero di arrivare nelle condizioni migliori e magari anche giocare. Non vedo l’ora di fare quest’esperienza”. Gli avversari sono in parte sconosciuti: “Sono giocatori forti, li ho visti nel circuito e anche se di classifica sono inferiori a noi non vuol dire niente. La prima testa di serie l’ho già incontrata e ho anche perso, quindi significa che il suo valore è importante. Quando si gioca per la propria Nazione i valori cambiano. Confidiamo anche nell’apporto del pubblico cagliaritano”.
Un passo indietro per raccontare l’ultimo torneo disputato, a Rio de Janeiro, con i quarti di finale: “A inizio anno non ho ottenuto molto ma bisogna pensare agli avversari molto forti contro i quali mi sono imbattuto. Ho continuato ad allenarmi bene, ad essere positivo e a Rio contro Leonardo Mayer mi sono sbloccato al termine di un match molto lottato. Poi ho giocato una grande partita con Dusan Lajovic. Avevo giocato contro di lui a Montecarlo e lo avevo messo in difficoltà procurandomi delle ottime occasioni. Sapevo pertanto che il match era alla mia portata e con la giusta convinzione l’ho affrontato. Ho disputato un ottimo incontro mettendolo in difficoltà sono stato solido e ho servito molto bene”. Lo stop contro Borna Coric, dopo il rinvio al giorno successivo e quando eri in vantaggio: “Stavo giocando un gran tennis e non sono stato fortunatissimo, ero in forma e avevo avuto diverse opportunità. Al rientro i campi erano molto più lenti e lui è stato bravo ad approfittarne e far valere la maggior esperienza. Nulla da dire sotto questo punto di vista. Tutti match dai quali imparare e prendere spunti per proseguire ancora nel processo di crescita nel quale sono ancora impegnato”.
Intanto la scorsa settimana è arrivato il best ranking, eguagliato: “Anche se non sono stati positivi integralmente il finale dello scorso anno e l’inizio dell’attuale stagione ho ottenuto di nuovo ilo best. Sono contento e voglio solo divertirmi e giocare come fatto a Rio tutte le partite, poi si vedrà”. Dopo Cagliari già delineati gli appuntamenti in calendario: “Indian Wells e Miami, sperando ovviamente di far bene”.

di redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *