AtletiNews

MARIA SAKKARI: “NON SONO D’ACCORDO MA ANDRO’ A NEW YORK”

E’ una top 20, la greca Maria Sakkari, con incremento costante del rendimento nelle ultime stagioni. Spiega il coacervo di sentimenti che in questa parte dells tagione ne solcano corpo e mente:
Una decisione presa
“Certo che andrò a New York. Non sono ovviamente d’accordo con molte delle misure che sono state annunciate, come il fatto che la fase di qualificazione del torneo non sia prevista, quindi i giocatori di tennis che si trovano al di sotto dei primi 100 della classifica non avranno l’opportunità di accumulare punti o guadagnare soldi. La verità è che non penso che nessun giocatore sia d’accordo con questo, ma sfortunatamente non è nelle nostre mani, né nelle mani dell’ATP o del WTA. Per quanto ne so, tutte queste decisioni sono state prese dall’USTA. ”

Misure rigorose da parte del torneo
“Inoltre, non sono d’accordo con la riduzione del gruppo di lavoro che seguirà i giocatori. Capisco che per precauzione vogliono prendere determinate misure, ma almeno un allenatore e un fisioterapista sono sempre necessari, soprattutto dopo un periodo in cui non abbiamo gareggiato e il corpo soffrirà più del normale nel ritorno in campo. Questo mi confonde un po ‘, durante la riunione hanno sottolineato che potevi viaggiare con una sola persona, ma dopo tutte le lamentele che hanno ricevuto hanno finito per cambiarlo ”.

Mancanza di comunicazione tra manager e giocatori
“Penso che molte cose cambieranno di qui in avanti, spero solo che non cambino in peggio. Gli Stati Uniti si trovano nella peggiore situazione possibile in questo momento, ma sono obbligati a darci una risposta, non importa cosa sia meglio o peggio, ma devono dirci qualcosa per studiare come agire. Non avere un calendario sul tavolo in questo momento è qualcosa che disturba tutti i giocatori di tennis, non sappiamo cosa fare. L’unico aspetto positivo è che sembra che presto giocheremo di nuovo a tennis, ecco tutto quello che stavo cercando. Nessuno voleva rimanere altri sei mesi a casa fino al prossimo anno, ma non voglio che la situazione peggiori. ”

Le probabili assenze
“Ci sono state voci su alcuni grandi nomi di giocatori che non parteciperanno al torneo, anche se non possiamo garantire nulla di sicuro, poiché è molto probabile che alla fine cambino idea, almeno è una possibilità. Simona Halep ha detto che potrebbe non essere presente, ma non credo che ci saranno molte più assenze. Con tutte le persone sul circuito con cui ho parlato, nessuna è del tutto conforme ai termini proposti dall’USTA, ma il desiderio condiviso è giocare di nuovo. Siamo abituati a un diverso tipo di vita che alla fine condiziona tutto “.

di redazione