NewsRegioniTornei NazionaliUmbria

ANDREA VAVASSORI SORPRENDE THOMAS FABBIANO A TODI

La prima vera sorpresa degli Assoluti di Todi è arrivata oggi attorno alle 14,30 e l’ha offerta il torinese Andrea Vavassori che in due set e alla soglia delle due ore di gioco (1 ora e 58 minuti) ha avuto la meglio sulla testa di serie numero 3 del tabellone, Thomas Fabbiano, già numero 70 ATP. Partita vera che nel primo set ha visto il piemontese rincorrere nel primo set (2-5), risalire fino al tie-break e chiuderlo per 7 punti a 4. La partita è cambiata quando Vavassori ha alzato le percentuali al servizio e mantenuto una maggior profondità con il rovescio coperto. Nella seconda frazione il figlio d’arte, allenato dal padre Davide e seguito da uno staff composito e professionale, nel quale spicca anche la figura di Paolo Moro (Ca’ Sport Tennis), ha comandato il punteggio e gli scambi, dopo aver tenuto bene (dal 15-30) il primo game. Decisivo il break conquistato in dirittura, al decimo gioco, per il definitivo 7-6 6-4. Domani Andrea troverà nei quarti il vincente della sfida tra Raul Brancaccio e Gian Marco Moroni: “Bella vittoria – ha detto al termine il 24enne torinese -, figlia della concentrazione che non è mai venuta meno, neppure nel primo set quando mi sono trovato sotto 2-5. Fino a quel punto avevo servito maluccio, con qualche problema nel lancio palla. Poi il match è girato e non ho perso le mia chance, lottando e rimanendo ancorato al punteggio. Un po’ come ha fatto Lorenzo (Sonego) nel testa a testa di primo turno”. Un giocatore che ha confermato la crescita della scorsa stagione, che si divide tra singolare e doppio: “Il secondo mi ha aiutato, anche a svolgere un’attività Challenger di un certo livello. L’obiettivo è continuare a crescere in entrambe le specialità”.
In mattinata successo alla ripresa delle ostilità per Federico Gaio, testa di serie numero 2, contro il giovane Darderi, cui non è bastato chiudere in modo favorevole il secondo set. Nel match tie-break, dopo un iniziale vantaggio di 5-3, il giovane azzurro nato in Argentina, si è arreso alla maggio esperienza del faentino che si è imposto 10-7.
In campo femminile hanno proseguito la loro corsa le due qualificate Nuria Brancaccio e Nicole Fossa Huergo. La prima con la vittoria per 6-3 6-1 contro la wild card Eleonora Alvisi; la seconda con quella contro la più esperta Jessica Pieri per 7-6 6-4. Esordio convincente per Stefania Rubini contro Bianca Turati (6-2 6-0).

di redazione