NewsRegioniSiciliaTornei Internazionali

NELL’ENTRY LIST UFFICIOSA DEL WTA DI PALERMO 5 TOP 20

Vale in questo momento tutto e il contrario di tutto. Quindi anche l’entry list del WTA di Palermo, al momento ufficiosa in attesa di quella ufficiale che diventerà tale alle 17 di lunedì 13 luglio. Sarebbero cinque e top 20 al via, con nell’ordine la bielorussa Aryna Sabalenka, la croata Petra Martic, la russa naturalizzata kazaka Elena Rybakina, la ceca Marketa Voundrousova e la greca Maria Sakkari. Alle loro spalle, e in attesa di un eventuale arrivo da lei stessa ipotizzato di Simona Halep, ecco le altre giocatrici che potrebbero dar vita alla contesa in tabellone principale: Donna Vekic, Dayana Yastremska, Ekaterina Alexandrova, Svetlana Kuznetsova, Veronika Kudermetova, Kristina Mladenovic, Alona Ostapenko, Anastasija Sevastova, Rebecca Peterson, Polona Hercog, Fiona Ferro, Alison Van Uytvanck, Alizé Cornet, Bernarda Pera, Jil Teichmann, Laura Siegemund, Daria Kasatkina, Kristyna Pliskova, Arantxa Rus e Camila Giorgi (WC). Tra le azzurre annunciata anche la presenza di Jasmine Paolini. Le voci parlano anche di un possibile interessamento di Karolina Pliskova, numero 3 del mondo e sorella della meno famosa Krsitina, ed Elina Svitolina, n° 6 Wta. Le problematiche potrebbero invece essere legate alla sola attuale apertura delle frontiere italiane ai Paesi dell’Unione Europea. Un eventuale allargamento degli ingressi a persone di Paesi esterni all’Unione Europea non verrà presa in considerazione prima del 15/20 luglio. Ad oggi chi proviene da tali aree deve sottoporsi a una quarantena di 14 giorni entrando in Italia. Pertanto sarebbero diverse le giocatrici “incriminate”, ovvero Aryna Sabalenka (Bielorussia), Elena Rybakina (Kazakistan), Dayana Yastremska (Ucraina), Ekaterina Alexandrova (Russia), Svetlana Kuznetsova (Russia), Veronica Kudermetova (Russia), Bernarda Pera (USA), Daria Kasatkina (Russia). Si salverebbe la svizzera Teichmann, in quanto svizzera e quindi “cittadina” dell’area Shengen. Potrebbero farlo anche Elina Svitolina, con residenza a Londra; così Bernarda Pera, se avesse in quanto originaria anche la residenza croata. Insomma da una parte si sorride, dall’altra ci si preoccupa.
Ma l’organizzazione esclude problemi di questo tipo: “Lo spostamento di una settimana dell’entry list ufficiale – precisa il direttore di torneo Oliviero Palma – permetterà ulteriori arrivi importanti. Per quanto concerne l’approdo in Europa delle atlete (che potrebbero avere problemi di ingresso da Paesi non appartenenti alla Comunità Europea n.d.r) la loro presenza è assicurata dal fatto che saranno già tutte nel nostro continente. Una sorta di “premierino” nel rispetto dei protocolli del periodo. Vie separate di movimento per atlete e pubblico, massimo 340 persone sul centrale, voglia di dimostrare quanto l’Italia è in grado di fare in sicurezza. Abbiamo invitato il Presidente della Repubblica alla cerimonia di premiazione e partiremo con un videomessaggio del CEO WTA. Siamo elettrizzati e molto responsabilizzati dall’opportunità che il circuito riparta da Palermo e dalla terra siciliana”.

di redazione