AtletiIntervisteNews

KYRGIOS TORNERA’ PER GLI AUSTRALIAN OPEN

L’organizzazione Australian Open prevede di ospitare giocatori di tennis in residenze di lusso sotto sicurezza: “Sarebbe una decisione abbastanza saggia – ha detto Nick Kyrgios – Penso che i tennisti debbano essere protetti da questa pandemia. Non è un male che i tennisti siano ospitati in questo tipo di strutture in modo che si sentano più a loro agio. Ovviamente sono i migliori tennisti ad attirare la folla e un Grande Slam senza il meglio è totalmente diverso. La stragrande maggioranza dei giocatori con cui parlo, dice di amare Melbourne, quindi dobbiamo fare del nostro meglio per avere i migliori giocatori sul circuito al prossimo Australian Open “. . -Kyrgios non sa con certezza quando tornerà in campo: “Quello che ho chiaro è che mi piacerebbe giocare gli Australian Open. Incrocio le dita che la situazione a Melbourne migliori e l’organizzazione del torneo sia in grado di trovare una soluzione in modo che i giocatori non debbano sottoporsi a quarantena. Sarebbe già qualcosa. Più difficile sarà per il torneo avere un pubblico sugli spalti. Sappiamo tutti quanto sia stata dura questa pandemia. Attualmente non so quando giocherò di nuovo sul circuito. In Francia, i casi stanno aumentando di nuovo e la FFT ha in programma di giocare il torneo con pubblico in tribuna. In questo momento non sono sicuro di giocare a tennis e sono tranquillo a casa sperando che si risolva poco a poco “.

A proposito di Carreno Busta

“Ho solo espresso la mia opinione su qualcosa e lui mi ha risposto. Ho sentito che il suo commento era molto ridicolo e ho deciso di riguardare i risultati delle nostre partite. Quello che è chiaro è che non mi ha mai battuto prima. Ammettiamolo, Pablo non è Picasso” (ride ) “.
Scherza su Novak Djokovic e sulla possibilità di non giocare agli Australian Open per non colpire gli arbitri: “Nole non piace a tutti i tennisti, ma è un tipo che attira le masse”, ha concluso il giocatore australiano.

di redazione