LazioNewsRegioniTornei Internazionali

FOGNINI CRESCE MA NON BASTA ANCORA. PASSA HUMBERT

Se da ogni sconfitta occorre trarre anche indicazioni positive quella subita oggi da Fabio Fognini a Roma contro il francese Humbert offre sotto questo punto di vista elementi importanti. L’azzurro, alla seconda partita dopo la ripresa, ha dato segnali di netto miglioramento rispetto alla condizione palesata la scorsa settimana a Kitzbuhel. Più centrato e mobile il numero 2 italiano ha fatto partita pari con il francese e a tratti è parso già oggi superiore. Gli mancano partite e punti, ovviamente, e solo con il proseguire della stagione e guardando al 2021 riuscirà a salire ancora di rendimento. Oggi è andato vicino a portare il rivale al terzo set, dopo aver ceduto il primo 5-7 e il secondo al tie-break, nel quale è stato anche avanti 2-0 ed ha subito un’ingiustizia per una mancata chiamata arbitrale che l’avrebbe portato sul 5-4. Un po’ di nervosismo, certo, nel rispetto del copione non sempre esaltante del Fabio nazionale, ma tanti colpi d’autore che a sprazzi lo hanno rivisto finalmente protagonista. La strada, insomma, sembra quella giusta.
Nella prima parte del programma è andato a segno Denis Shapovalov, contro lo spagnolo Pedro Martinez, per 6-4 6-4; bene anche Dusan Lajovic, che ha piegato 6-2 al terzo il canadese Milos Raonic; così Diego Schwartzman, che ha fermato 6-4 7-6 l’australiano John Millman.

di redazione