LazioNewsRegioniTornei Internazionali

MUSETTI ORGOGLIO D’ITALIA

“Sono stato freddo nei momenti importanti e devo farmi i complimenti”. Sintetico ed essenziale, non così in campo Lorenzo Musetti, talento cristallino e completo in ogni zolla rossa. Dopo Wawrinka un altro scalpo di prestigio, l’ex numero 4 del mondo Kei Nishikori. Due set (6-3 6-4), due break piazzati uno per set. La vittoria e gli ottavi di finale a Roma, da 2002 predestinato. Musetti ha superato il nobile rivale che nel secondo set ha cambiato tattica giocando praticamente quasi sempre serve & volley. Sul 4-4 della seconda frazione e dopo aver tenuto non senza difficoltà l’ottavo gioco, un piccolo aiuto è arrivato dall’energia. Black-out sul centrale (come prima anche sul Pietrangeli) e interruzione di 8 minuti circa, sul 30-15 servizio Nishikori. Il giapponese alla ripresa si è incartato e con alcuni errori (quattro in sequenza) ha regalato il break decisivo al giovane carrarino. Musetti ha chiuso i conti nel gioco seguente, risalendo dallo 0-30, per la gioia sua e di chi ama il bel gesto. Domani troverà il vincente di Koepfer (Ger) – Monfils (Fra).

di redazione