Emilia RomagnaNewsRegioniTornei Internazionali

BRANCACCIO E VIOLA OK NELLE QUALI DI PARMA. MAGER PRONTO ALLA SFIDA CON MUSETTI

Gianluca Mager si allena al Tennis Club President di Parma in attesa del derby d’esordio contro Lorenzo Musetti. La sfida tra i due azzurri sarà uno dei primi turni più interessanti dell’Emilia-Romagna Open Mutti Cup, torneo ATP 250 organizzato da MEF Tennis Events.
Fiducia Mager – “Sto vivendo un buon periodo di forma – racconta il numero 86 del mondo -. Lo scorso inverno ho lavorato molto bene durante la fase di preparazione, in campo avverto le sensazioni giuste. Sono contento”. Agli Internazionali BNL d’Italia, a Roma, Mager ha battuto al primo turno l’australiano Alex de Minaur ed è stato poi eliminato dallo scatenato Lorenzo Sonego, semifinalista al Foro Italico e prima testa di serie del tabellone di Parma: “È stato molto emozionante giocare e vincere il primo turno sul Campo Pietrangeli, nonostante l’assenza del pubblico. Contro Sonego invece c’era tanta tensione, ho dato tutto quello che avevo ma lui è stato più bravo e poi si è reso protagonista di una cavalcata meravigliosa”. La fiducia non manca: “Al di là dei risultati, sono le prestazioni che mi fanno ben sperare. Rispetto al passato mi sento molto più maturo ed esperto: ogni stagione sto aggiungendo nuove esperienze al mio bagaglio. Il match contro Musetti? È bellissimo per noi giocatori avere tanti tornei in Italia e poterci affrontare e stimolare a vicenda. Conosco molto bene Lorenzo, è anche mio compagno di squadra in Serie A1: è un giocatore completo, sarà una grande sfida”.
Gli azzurri in qualificazioni – Buona la prima in qualificazioni per Raul Brancaccio, che si è imposto sull’australiano James Duckworth con il punteggio di 7-5 6-3: “È il mio secondo torneo a livello ATP dopo gli Internazionali BNL d’Italia. L’esperienza nelle qualificazioni di Roma, in cui ho superato il primo turno, mi ha dato fiducia. L’obiettivo è che questi tornei diventino un’abitudine per me”. Esce vincitore da un’interminabile battaglia Matteo Viola, giustiziere del russo Evgeny Karlovskiy con lo score di 7-5 5-7 7-5: “Sono molto contento, soprattutto perché quest’anno ho perso diversi incontri di questo tipo. Sono rimasto lì, non ho smesso di crederci nonostante il break di svantaggio nel terzo set e alla fine ce l’ho fatta”. Fuori Francesco Passaro, sconfitto 6-4 6-1 dallo spagnolo Pedro Martinez.

di redazione