NewsTornei Internazionali

IL DERBY E’ DI MUSETTI

Ottavi di finale per la prima volta in carriera per Lorenzo Musetti che è anche alla sua prima partecipazione Slam in un tabellone principale. Sono arrivati oggi a Parigi al termine del derby di 3° turno con Marco Cecchinato. Musetti è partito un po’ in sordina, subendo nel primo set il tennis esperto del palermitano, aggressivo da fondo e più efficace del carrarino anche con la palla corta. Nella circostanza il più giovane ha avuto un atteggiamento tattico più remissivo, con i piedi lontani dalla linea di fondo. Il film del confronto è mutato nel secondo set, con Musetti più in controllo dei colpi e più convinto. Dopo aver avuto le prime occasioni di un break nel game numero 8, annullate da Cecchinato, Musetti lo ha colto nel game numero 10, vinto a 0 su servizio del rivale, per il 6-4 del pareggio. Una vittoria parziale che ha dato al toscano, a soli 19 anni e 3 mesi, nuova linfa per il prosieguo del testa a testa. Altro break in apertura di terzo set, con volèe giocata senza guardare da dietro la schiena, per il 2-0. Reazione di Cecchinato, risalito prima sul 2-2 e poi a sua volta vicino al vantaggio su servizio di Musetti. Nulla da fare e parità dopo sei giochi (3-3). Poi solo Musetti, per il 6-3 con due game vinti con altrettante palle sulle righe, la prima con diritto in recupero su smash di Cecchinato, la seconda con la prima di servizio a chiudere la frazione. Nella quarta Cecchinato è tornato a servire da par suo, come nel primo parziale, e si è portato sul 4-1 con un break. Musetti ha “tenuto” ma non è riuscito a restituire il “maltolto” al semifinalista del Roland Garros 2018. Quinto set, dunque, con subito due palle break Cecchinato, annullate dal suo giovane rivale che al quarto gioco è invece scattato in avanti (3-1 e poi 5-1). Ha servito per il match sul 5-2 ma non ha sfruttato tre match point. Sul 5-3 servizio Cecchinato ha però chiuso al quinto match point, dopo 3 ore e 7 minuti. Ora troverà il vincente del match tra il numero 1 del mondo Novak Djokovic e il lituano Rikardas Berankis, numero 93 ATP. Musetti è il secondo italiano nell’era Open a raggiungere gli ottavi alla “prima” Slam. Nel 1984 era stato il perugino Francesco Cancellotti a riuscire nell’impresa.

di redazione