NewsTornei Internazionali

PER DJOKOVIC UNA VITTORIA DI FAMIGLIA A PARIGI

“La nostra è una bella rivalità – ha sottolineato Djokovic rivolgendosi al tennista russo Daniil Medvedev che da anni vive e si allena in Francia – che è destinata a proseguire. Sei stato protagonista di un grande 2021 e sono certo che anche a Torino farai ottime cose. Giornata speciale, per me, perché è la prima volta che entrambi i miei figli mi vedono vincere un torneo. E’ stato bellissimo giocare in uno stadio pieno in questi sette giorni, a testimonianza ulteriore dell’amore che provate per questo sport”. Djokovic ha vinto due volte poiché nella circostanza ha anche avuto il pubblico a favore, quello che non sempre ne ha condiviso le imprese.
Per il n° 1 del mondo un successo che sa di rivincita contro Medvedev, che gli aveva impedito di coronare una stagione perfetta con la conquista del Grande Slam, avendolo battuto a New York circa due mesi fa. E’ arrivato in rimonta (4-6 6-3 6-3) e grazie ad un cambio tattico alla fine della prima frazione. Il serbo si è fatto più aggressivo e propositivo e ha chiuso dopo 2 ore e 15 minuti con un gran diritto incrociato. Braccia levate al cielo e baci ai figli in tribuna con manna Jelena e quasi tutto il suo entourage.
“Un grande match – ha detto Medvedev al termine in perfetto francese – volevo vincere ma Novak ha confermato la sua forza.  Ringrazio tutti per il sostegno che ci avete dato questa settimana, fin dal primo giorno”. Per Djokovic 86° titolo in carriera nel massimo circuito e 37° Masters 1000 (altro record). A Parigi Bercy, invece, trionfo numero 6.

di redazione