NewsTornei Internazionali

A GUADALAJARA INARRESTABILI SAKKARI E BADOSA

Nel primo match del “Chichèn Itza Group” successo della greca Maria Sakkari che si impone 62 64 sulla polacca Iga Swiatek, uscita dal campo piangendo. Nella notte italiana la spagnola Paula Badosa supera 64 60 la bielorussa Aryna Sabalenka vincendo tutti gli ultimi 10 giochi. Non c’è due senza tre. Chissà se ci ha pensato Maria Sakkari, n.6 del ranking e 4 del seeding, che ha battuto 62 64, in poco meno di un’ora e mezza di gioco, la polacca Iga Swiatek, n.9 WTA e quinta testa di serie, superata per la terza volta in altrettante sfide, tutte giocate quest’anno. La 26enne tennista di Atene si era aggiudicata in due set i due confronti precedenti, disputati nei quarti al Roland Garros (terra – dove Swiatek era la campionessa in carica) ed in semifinale ad Ostrava (cemento).
Nella notte italiana una Paula Badosa in versione de luxe ha dominato Aryna Sabalenka: la spagnola, n.10 del ranking e 7 del seeding, si è imposta per 64 60, in poco più di un’ora e un quarto di gioco, sulla bielorussa, n.2 WTA e prima testa di serie. Proprio la tennista iberica si era imposta al tie-break del set decisivo nell’unico precedente, disputato al secondo turno di Cincinnati ad agosto. Stavolta le cose sembrava potessero andare diversamente per Aryna ma non è stato così, anzi. La bielorussa è partita bene, si è procurata una palla break già nel quarto game e nel sesto, alla quarta chance, ha strappato la battuta alla spagnola salendo 4-2. Tutto è cambiato nel “fatidico” settimo gioco: Sabalenka è salita 40-15 con due palle per il 5-2 ma un errore di diritto ed un doppio fallo hanno rimesso in corsa Badosa. Con un rovescio in rete la 23enne di Minsk ha sprecato una terza opportunità di confermare il break di vantaggio e poi con due errori di diritto ha concesso il contro-break (“Dopo aver perso il servizio ero davvero arrabbiata con me stessa e cominciato a dar fuori di matto”, avrebbe poi detto la bielorussa in conferenza stampa). E’ stata la svolta del match. Aryna non ha più vinto un gioco (ha avuto soltanto una palla-game, sul servizio della spagnola nel secondo gioco del secondo set): Paula ha mantenuto alta e costante la pressione da fondo ed ha infilato una serie spaventosa di dieci game consecutivi con “bagel” finale.

di redazione