NewsPiemonteRegioniTornei Internazionali

RUBLEV VINE E IMPRESSIONA A TORINO, CONTRO TSITSIPAS

L’esordio in torneo di Andrey Rublev ha colpito i più anche perché gli ultimi mesi del giocatore russo, numero 5 del mondo, non erano stati all’altezza dei primi. Sembrava aver perso potenza e condizione fisica e in effetti i suoi risultati lo testimoniavano: “Ho avuto un po’ di problemi fuori campo – ha confermato Rublev dopo la sua prima performance a Torino, ringraziando il pubblico per la sua presenza – ma ora ho ritrovato il feeling e sono felice di aver centrato subito la vittoria, fondamentale in ottica girone”. Rublev ha sciorinato il proverbiale diritto dall’inizio alla fine del confronto con Tsitsipas (6-4 6-4 lo score finale) cercando con regolarità il rovescio del giocatore greco, che invece ha confermato, suo malgrado, di non essere in grande condizione. I problemi al gomito di cui si parla da tempo ne hanno evidentemente impedito anche gli allenamenti regolari e si è visto durante il suo match d’esordio al Pala Alpitour. Stefanos ha sbagliato soluzioni che quando è in forma non fallisce arrivando spesso con un attimo di ritardo sul colpo. A questi livelli bastano i dettagli per cambiare gli equilibri. A questo punto il favorito per accedere alle semifinali in questo Gruppo, ovviamente con Djokovic, è proprio il russo. Sarà molto interessante assistere alla loro prima sfida di carriera, in questo contesto, sia dal punto di vista tecnico che emotivo. I due si studieranno un po’ in campo e poi cercheranno di superarsi. Testa a testa da non perdere, da veri intenditori. Rublev, prototipo del giocatore moderno, è inoltre migliorato molto al servizio e su questo tipo di superficie esalta ancor di più tale aspetto. Ricordo che Rublev, seguito in tribuna dal suo coach spagnolo, Fernando Vicente, è stato il primo dei singolaristi ad arrivare a Torino e gettarsi anima e corpo negli allenamenti, sia al Training Center del Circolo della Stampa Sporting che al Pala Alpitour. Con il senno di poi segnale indicativo della sua voglia di mettersi in gioco.

di redazione