AtletiNewsTornei Internazionali

ALCARAZ SALE IN SEMIFINALE A MIAMI DOPO UNA GRAN PARTITA CON KECMANOVIC

Senza dubbio la miglior partita del torneo che ha confermato il trend naturale del graduale cambiamento al vertice del tennis mondiale. Di Alcaraz già lo si sapeva. L’iberico è ormai ad un passo dall’ingresso nella top ten (il ranking live lo colloca al 14° posto) con la raggiunta semifinale di Miami. Miomir Kecamonovic, classe 1999, quindi di 4 anni più vecchio di Carlos, ha confermato di essere ormai una certezza per come si è districato in questo inizio di stagione a partire dagli Australian Open (ottavi di finale) d’avvio d’anno. Ha giocato bene anche in Sudamerica e raggiunto i quarti anche a Indian Wells. Lunedì prossimo 4 aprile rientrerà tra i top 40 ATP.
Nel quarto di ieri è stato proprio il serbo, a questo punto, “erede” di Novak Djokovic, a partire di slancio (3-0). Forte in attacco e abile in difesa il serbo ha messo in difficoltà l’avversario che solo grazie alla ormai nota abilità di variare anche il gioco e salire di tono nelle fasi calde del match è riuscito comunque a pareggiare i conti e rifugiarsi al tie-break. E’ stato però Kecmanovic a farlo suo per 7 punti a 5 recuperando dal 4-5.
Nella seconda frazione la differenza l’ha fatta un break colto dall’iberico in avvio e tenuto fino al termine per il 6-3 del pareggio. Equilibrato e spettacolare il set numero 3, con un nuovo innalzamento del livello di tennis da entrambe le parti. Sul 4-5 Alcaraz è andato al servizio e si è trovato 15-30 ma con alcune soluzioni di classe è riuscito a rimediare al momento difficile. E’ stato nuovamente il tie-break a decidere. Kecmanovic si è trovato in vantaggio di un mini-break (5-3) ma Alcaraz lo ha ripreso con una palla corta vincente (dopo una giocata in precedenza e non andata a buon fine) per poi salire sul 5-5 con un rovescio andato a segno. Un errore gratuito di Kecmanovic ha dato il match point all’iberico che non si è lasciato sfuggire l’occasione salendo in semifinale. Qualora dovesse raggiungere la sfida per il titolo (se la vedrà con Hurkacz) salirebbe al posto n° 12 del mondo. In caso di vittoria sopravanzerebbe anche Sinner sulla piazza numero 11.

di redazione