AtletiNewsTornei Internazionali

OGGI SINNER – ALCARAZ, PER UN POSTO NEI QUARTI

Ostacolo “tosto” per Jannik Sinner oggi pomeriggio negli ottavi di finale a Wimbledon, terzo Slam del 2022, che si sta disputando sui prati dell’All England Club di Londra. Il Major British quest’anno non assegna punti validi per le classifiche ATP e WTA (come “ritorsione” per la decisione della Federazione britannica di non ammettere tennisti/e russi/e e bielorussi/e nei tornei in Gran Bretagna) ma offre un montepremi record: 40.350.000 di sterline. Arrivando al quarto turno – lui che non aveva mai vinto un match sull’erba – qualche risultato però l’altoatesino lo ha già ottenuto: è diventato il settimo azzurro negli ottavi ai “The Championships” nell’Era Open dopo Panatta (1979), Sanguinetti (1998), Pozzi (2000), Seppi (2013), Berrettini (2019, 2021) e Sonego (2021), ed il più giovane, ma soprattutto è diventato il secondo italiano nella storia a raggiungere almeno gli ottavi in tutti e quattro i tornei dello Slam dopo Berrettini. Sul prestigioso palcoscenico del mitico Centre Court al quarto turno (ottavi) il 20enne di Sesto Pusteria, n.13 del ranking e 10 del seeding, trova dall’altra parte della rete lo spagnolo Carlos Alcaraz, n.7 del ranking e 5 del seeding, alla sua seconda esperienza nello Slam londinese (nel 2021 era stato fermato al secondo turno dal russo Medvedev). Il 19enne di El Palmar (Murcia) si è aggiudicato entrambi i precedenti – piuttosto combattuti – con Sinner, disputati al primo turno del Challenger sulla terra di Alicante nel 2019 ed al secondo turno del Masters 1000 di Parigi-Bercy (veloce indoor) lo scorso anno.
Jannik – che per la stagione sui prati ha affiancato a coach Simone Vagnozzi un consulente speciale come l’australiano Darren Cahill – sta giocando anche lui per la seconda volta il Major British (lo scorso anno fu sconfitto all’esordio dall’ungherese Fucsovics). L’altoatesino – arrivato a Wimbledon con quattro sconfitte in altrettanti match sui prati in carriera – dopo essersi imposto in quattro set all’esordio sullo svizzero Wawrinka, n.267 ATP, in tabellone grazie ad una wild card, mercoledì al secondo turno ha sconfitto sempre in quattro set lo svedese Mikael Ymer, n.88 ATP: quindi il successo più comodo contro l’avversario più temibile, lo statunitense Isner, n.24 del ranking e 20 del seeding, al quale non sono bastati 24 ace per impensierire l’azzurro.
Nella domenica di mezzo che non è più “sacra” per i britannici, sul campo centrale apriranno le ostilità alle 14,30 la locale Watson contro la tedesca Niemeier, match a dir poco inedito per questo livello di torneo, e dopo Sinner – Alcaraz chiuderanno Djokovic e Van Rijthoven. Sul campo numero 1, dalle 14, in gara Maria e OIstapenko; a seguire Norrie e Paul, a chiudere Mertens – Jabeur; sul campo 2 Bouzkova – Garcia ad aprire i testa a testa alle 12; a seguire Goffin – Tiafoe e a terminare un doppio misto con prptagonisti J.Murray e Venus Williams.

di redazione